Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 27 Luglio2019

di Federico Latteri

Tenuta Bastonaca è l'azienda dei coniugi Silvana Raniolo e Giovanni Calcaterra, viticoltori  inesauribili con una grande passione per la natura e per il vino. 

La proprietà è divisa tra due diverse aree della Sicilia: il nucleo principale con 15 ettari di vigneti ed un antico palmento del Settecento è situato in contrada Bastonaca, una delle zone più importanti della Docg Cerasuolo di Vittoria, altri 2 ettari si trovano sul versante nord dell'Etna, a Solicchiata. Questa tenuta recentemente acquistata rappresenta il completamento di un progetto rivolto all'alta qualità nel quale il terroir etneo ha un ruolo fondamentale.


(Silvana Raniolo e Giovanni Calcaterra)

Le vecchie viti ad alberello affondano le radici su un terreno di natura vulcanica che, insieme al particolare clima dovuto all'altitudine e ad altri fattori locali, ci regala vini con caratteristiche uniche e spiccata personalità. Sono presenti varietà autoctone come Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio, dalle quali viene fatto un Etna Rosso e Carricante, dal quale vengono fuori poche bottiglie di Etna Bianco.


(Una vite ad alberello sull'Etna)

Le pratiche agricole sono eseguite a mano con il massimo rispetto per la natura e i suoi ritmi. Non si irriga e non vengono usati prodotti chimici di sintesi. Fondamentale per il progetto di Silvana e Giovanni la collaborazione dell'enologo Carlo Ferrini, personaggio di spicco nel mondo del vino italiano dotato di  competenza ed esperienza non comuni. Le varie etichette, sia quelle del sud est della Sicilia che quelle etnee, formano una gamma che si caratterizza per la varietà delle referenze, la buona qualità, la naturalezza espressiva e la piacevolezza. Annualmente vengono prodotte 50 mila bottiglie. Degustiamo l'Etna Doc Bianco 2016, un vino riuscito in grado di esprimere bene le peculiarità del territorio.


(Vigneti a Vittoria)

Le uve, Carricante cento per cento, provengono dal vigneto etneo situato a 700 metri sul livello del mare in contrada Piano dei Daini a Solicchiata, frazione di Castiglione di Sicilia. Le viti hanno circa ottant'anni di età e le rese si attestano intorno ai 50 quintali per ettaro con una produzione per pianta inferiore al chilogrammo. La vendemmia viene fatta a mano con l'utilizzo di piccole cassette ad inizio ottobre. Dopo un'accurata selezione dei grappoli ha luogo la pressatura soffice, seguita  dalla fermentazione. Il vino affina sulle fecce fini in serbatoi di acciaio inox per 12 mesi e poi resta per altri 6 mesi in bottiglia prima di essere messo in commercio.

Versato nel calice, si presenta limpido, di colore giallo paglierino carico tendente al dorato. E' intenso e variegato all'olfatto con profumi di ginestra, camomilla, anice, nocciola, una tenue nota mielata e un cenno balsamico di corteccia di pino. Segue un sorso fresco, articolato, ben strutturato, sapido e lungo. Riesce a coniugare consistenza e bevibilità grazie all'ottimo equilibrio. Si abbina bene alla cucina di mare, ma anche ad antipasti e primi piatti leggeri a base di verdure o ortaggi. Da provare con le preparazioni salate a base di pistacchio.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Tenuta Bastonaca
Contrada Bastonaca - Vittoria (Rg)
T. +39  0932 686480
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.tenutabastonaca.it
 

IL VINO IN PILLOLE

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search