Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 02 Settembre 2017
di C.d.G.

di Federico Latteri

I Custodi delle Vigne dell’Etna è una delle più belle e interessanti realtà del panorama vitivinicolo etneo. Nasce poco più di un decennio fa dalla passione di Mario Paoluzi, imprenditore di successo che ha voluto realizzare sul Vulcano il sogno di produrre vini autentici e di alta qualità in grado di esprimere le caratteristiche di un territorio unico. 

Fondamentale in questo progetto la collaborazione dell’enologo Salvo Foti e dei Vigneri, un gruppo di viticoltori etnei altamente specializzati. Completano la squadra Massimo Ruffino e Thomas Schuster, professionisti attenti e dinamici che si occupano della parte commerciale e della comunicazione. La filosofia aziendale è rivolta al massimo rispetto della natura e delle tradizioni. I vigneti, impiantati ad alberello ad altissima densità (8.500-10.000 ceppi per ettaro) con sistema a quinconce, vengono portati avanti con l’esclusivo impiego di lavoro manuale, senza l’uso di nessun prodotto chimico. Le vinificazioni sono fatte nella maniera più semplice possibile per preservare al massimo le peculiarità della materia prima.


(Mario Paoluzi)

La superficie vitata si estende per 12 ettari e mezzo, divisi in diversi appezzamenti situati in aree di pregio. A Passopisciaro, dove si trova la splendida Vigna Centenaria, in contrada Calderara e in contrada Moganazzi, sul versante nord del Vulcano a 650-700 metri di altitudine, vengono coltivate le varietà a bacca rossa: Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio e Alicante. A Sant’Alfio sul versante est a 900 metri sul livello del mare ci sono i vigneti di uve bianche, rappresentate principalmente da Carricante. Infine a Bronte, sul versante nord ovest, a 1200 metri si trova Vigna Nave, dove, accanto ai vitigni locali a bacca bianca, ci sono Riesling Renano, Gewurztraminer e Chenin Blanc.

In contrada Moganazzi ha sede la nuova cantina che verrà ultimata a breve. Si tratta di una struttura molto bella con ampie vetrate che permettono di ammirare i vigneti, un percorso che consente di osservare le diverse zone in cui si svolge la vinificazione e un sistema di climatizzazione che sfrutta risorse naturali come l’acqua e il vento. Le bottiglie prodotte sono circa 40 mila e cinque le etichette che compongono la gamma aziendale: due rossi Etna Doc, l’Aetneus e il Pistus, l’Etna rosato Alnus, l’Etna bianco Ante e il Vinujancu.

Piacevolissimo l’Etna rosato Doc Alnus 2016, un vino ben riuscito capace di trasmettere profumi e sapori del territorio con un’incredibile facilità di beva. E’ fatto con uve Nerello Mascalese più un 10 % di Nerello Cappuccio provenienti da un’ottima annata con condizioni climatiche perfette che hanno permesso lo svolgimento del ciclo vegetativo senza particolari problemi. Viene affinato in acciaio per un breve periodo. E’ accattivante già dal colore, rosato buccia di cipolla abbastanza scarico. Ha un naso variegato di buona intensità e pulizia con profumi di piccoli frutti come fragoline di bosco e lampone, cenni floreali e lievi sentori speziati.

Segue un sorso molto fresco, scattante, provvisto di ottima sapidità che conferisce dinamicità consentendo un allungo notevole. Buona la consistenza e l’impatto aromatico. Fuori dal comune la bevibilità, la bottiglia si svuota in un istante e se ne vorrebbe aprire subito un’altra. Da consumare in ogni momento della giornata, si presta a numerosi abbinamenti. Può essere un ottimo aperitivo, da solo o insieme a stuzzichini sia di mare che di terra, accompagna bene i crostacei, in particolare i gamberi e i frutti di mare come le cozze di cui esalta il sapore. E’ adatto anche all’accostamento con salumi e formaggi freschi. Ne vengono prodotte 2.665 bottiglie che si trovano in enoteca al prezzo di 18 euro.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

I Custodi delle Vigne dell’Etna
Contrada Moganazzi - Solicchiata
95012 Castiglione di Sicilia (Ct)
Tel. +39  393 1898430
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.icustodi.it


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search