Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 08 Luglio 2017
di C.d.G.

di Federico Latteri

L’Umbria è una regione di rara bellezza, sia dal punto di vista paesaggistico che naturalistico. Ad arricchire tutto questo c’è il fascino della Storia. 

Trovarsi in uno dei tanti borghi ci porta indietro nel tempo facendoci pensare alle vicende di cavalieri, nobili e santi in un periodo misterioso, duro e travagliato come il Medioevo. L’azienda vinicola Roccafiore si trova nel territorio di Todi, in un’area collinare con un’altitudine di circa 380 metri. Fondata dall’imprenditore Leonardo Baccarelli nel 2000, oggi è guidata dal figlio Luca, produttore appassionato e dinamico che crede molto nel territorio e nelle varietà autoctone. La tenuta, all’interno della quale si trovano anche uno splendido e confortevole resort con una spa e un raffinato ristorante, si estende per circa 90 ettari, di cui 15 di vigneti. Si coltivano uve a bacca rossa come Sagrantino, Sangiovese e Montepulciano e a bacca bianca come Grechetto di Todi, Trebbiano Spoletino e Moscato Giallo.


(Luca Baccareli)

Ogni anno vengono prodotte circa 120 mila bottiglie. Rispetto per l’ambiente e sostenibilità sono alla base delle attività lavorative. In vigna si assecondano i ritmi della natura cercando di ottenere uve sane di alta qualità dalle quali si avranno prodotti autentici in grado di esprimere il territorio ad alti livelli. La cantina si avvale di tecnologie moderne volte ad esaltare le caratteristiche della materia prima. Vengono usati protocolli di lavorazione a basso impatto ambientale al fine di ridurre i consumi idrici e le emissioni di anidride carbonica. Roccafiore è stata tra le prime aziende vitivinicole del nostro Paese ad adottare il fotovoltaico. Per quanto riguarda la parte enologica c’è la preziosa consulenza dell’altoatesino Hartmann Donà e di Alessandro Biancolin. Diversi i vini prodotti: cinque rossi, tra i quali spiccano il Montefalco Sagrantino e il Prova d’Autore, blend di vitigni autoctoni, un rosato da Sangiovese, un passito da Moscato Giallo e due bianchi, Fiordaliso e Fiorfiore.


(I vigneti di Roccafiore)

Quest’ultimo è ottenuto da Grechetto di Todi, varietà locale su cui l’azienda sta puntando con convinzione e grandi aspettative. La vendemmia viene effettuata manualmente tra la seconda e la terza decade di settembre. Segue la pressatura meccanica delle uve, la fermentazione a temperatura controllata e un anno di maturazione in botti di rovere di Slavonia da 50 ettolitri. Infine, prima di essere immesso in commercio, il vino affina in bottiglia per 4 mesi. L’assaggio dell’annata 2015 ci ha fornito un’ottima impressione.


(La cantina Roccafiore)

Versato nel bicchiere, il Fiorfiore offre un colore giallo paglierino intenso con riflessi dorati. Al naso è fine, pulito con note floreali, essenze campestri, frutta gialla e un pizzico di vaniglia. Il sorso, pieno, equilibrato e persistente, è articolato tra buona freschezza, consistenza e sapidità. E’ già completo, ma crescerà ancora per qualche anno. Le caratteristiche evidenziate lo rendono capace di accompagnare numerose preparazioni.

Può essere abbinato a piatti di pesce, anche elaborati e dal sapore intenso, carni bianche, formaggi freschi o semi-stagionati e ricche pietanze a base di ortaggi. Un vino di forte personalità, sicuramente tra le migliori espressioni del vitigno Grechetto nel territorio del Centro Italia. Viene venduto in enoteca al prezzo di 16,50 euro.

Roccafiore
Vocabolo Collina, 110 A
06059 Todi (Pg)
+39  075 8942416
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.roccafiorewines.com 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search