Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 14 Maggio2016

Terre Siciliane Igp

di Gianni Paternò 

Tenuta Bastonaca è al primo anno di commercializzazione dei suoi vini. E’ nata 7 anni fa come azienda agricola con la voglia di fare qualcosa di proprio e di buono, ma soprattutto "a causa" dalla passione di Giovanni Calcaterra, avvocato nella vita e componente di una famiglia che da sempre si è occupata di vino, e sua moglie Silvana Raniolo, proprietaria di un’enoteca a Ragusa. I due acquistarono un’azienda con un vecchio palmento settecentesco, 12 ettari di vigneti e 5 di uliveti, nella cultivar Carolea in un territorio dove la regina è la Tonda Iblea e la battezzarono col nome della contrada.


(Silvana Raniolo e Giovanni Calcaterra) 

I vigneti erano vecchi e i Calcaterra decisero che volevano fare qualcosa di particolare, di unico nella zona, per cui assunsero come consulente sia agronomico che enologico Carlo Ferrini. Estirparono le vecchie piante e li rifecero ad alberello con sesto strettissimo di 1,20 x 1,20. Innestarono 4 ettari di Frappato, altrettanti di Nero d’Avola, 2 di Grillo ed uno ciascuno di Tannat e di Grenache, per fare qualcosa di diverso. Insomma una bella avventura in quanto la vicinanza delle viti determina la necessità di lavorazioni in pratica tutte manuali. I terreni sono sabbie rosse a quota di circa 200 metri.

I primi anni trascorrono tra sperimentazioni in campagna ed in cantina. Nei primi 2 anni, addirittura, una drastica potatura verde non ha permesso la formazione dei grappoli per far rinforzare i ceppi. I primi vini destinati al commercio sono del 2014, ma specialmente del 2015. Coltivazione in conversione al biologico che sarà certificato e quindi dichiarato con la prossima annata. Le etichette sono 4 per i rossi: Frappato, Nero d’Avola, Cerasuolo e Sud un blend 2014 con i francesi che si trova ancora in tonneau e un Grillo per un totale di sole 25 mila bottiglie, mentre dal prossimo anno pensano di andare a regime con 70 mila bottiglie, risultato di una produzione ridotta in campo anche per l’assenza, voluta, di un impianto irriguo. Mentre Silvana si occupa del marketing e della produzione in cantina, Giovanni fa il campagnolo e il costruttore in quanto sta ristrutturando il vecchio palmento per realizzare la cantina, mentre finora si è vinificato presso quella di una nota azienda amica.
 
Recensiamo il Frappato dal vitigno più tipico del ragusano, un vitigno antico risalente al XVIII secolo coltivato anche nelle province di Siracusa e Trapani. I vini che se ne ricavano non sono ricchi di polifenoli e addirittura scarsi di antociani per cui il colore tende al rosso ciliegia, ma sono di buona acidità e gradevole beva per questo quasi tutte le aziende che lo coltivano hanno ormai almeno una etichetta in purezza oltre che nel disciplinare del Cerasuolo di Vittoria.
 
Vendemmia a fine settembre in cassette con selezione dei grappoli, diraspatura, pigiatura e macerazione di 12 giorni con le bucce, fermentazione con lieviti selezionati e malolattica, tutto in acciaio per 4 mesi, chiarifica, filtrazione a cartoni, solforosa totale sotto i 100 milligrammi per litro.

Versato nel calice il colore è rosso rubino tendente al porpora. Naso denso di frutta fresca: fragole, more, ciliegie condite con una spolverata di pepe nero. Pulito, netto, elegante. Al palato si esalta la freschezza di un vino giovane, ma che già ha raggiunto la sua piena maturità, buona struttura, nerbo acido accompagnato da tannini morbidi, un vino che invita a bere per la sua piacevolezza e per il ridotto grado alcolico: soli 12,5°.

Questo Frappato può divenire un vino quasi da tutto pasto, dipende dalla temperatura di servizio: a 18° si accompagna a piatti con salsa di pomodoro e carni grigliate; a 14° affronta piatti di pesce specie all’acqua pazza con pomodorini; diventa perfetto con una pizza capricciosa. Un vino che potrà accompagnare buona parte dell’estate. Sono 9.000 bottiglie che trovate allo scaffale a 13 euro.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

 
Tenuta Bastonaca
C.da Bastonaca
97019 Vittoria (Rg)
tel. 0932 686874
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.tenutabastonaca.it
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search