Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana
di Redazione

Solo Grillo.

Ci sono aziende agricole che esistono da secoli e aziende che nascono da pochi anni. Poi c’è DISISA, che infatti esiste da più di 200 anni e che dopo la riforma agraria post bellica è rimasta di soli 400 ettari di cui 160 di vigneti. Una prima cantina fu costruita da Mario Di Lorenzo negli anni 30 e si facevano i classici bianchi di Catarratto, Inzolia e poco Grillo che sfusi prendevano la via del nord. Quando questa attività comincia a non dare più reddito si mette il lucchetto alla cantina e dalla fine degli anni 80 si coltivano e vendono le uve a varie cantine siciliane. Il resto della campagna sono oliveti e seminativi.

Contemporaneamente comincia a nascere la nuova DISISA perchè si espiantano le viti spesso a tendoni, si riconvertono i vigneti introducendo le uve rosse. Questo investimento nei vigneti ha il suo boom tra l’85 e il 95 così ora per il 65% sono uve autoctone di Nero d’Avola, Cataratto, Inzolia, Grillo e Perricone e il resto forestieri dove c’è un poco di tutto. Pertanto sono moderni vigneti a spalliera potati per una metà a Guyot e per l’altra a cordone speronato in terreni collinari di vario impasto e costituzione a quote tra i 300 e i 500 metri. Nelle annate siccitose si dà un pò d’acqua per soccorso. La conduzione è convenzionale ed in parte biologica certificata anche se ancora nessun vino biologico è stato immesso in mercato. Nel 2002 avviene il completamento della modernizzazione con l’inizio della costruzione della nuova cantina per cui il primo millesimo imbottigliato è il 2004. Negli anni le etichette sono diventate nove.

Come la maggior parte delle aziende secolari la proprietà nel tempo si diluisce tra i vari eredi però i vari Di Lorenzo hanno il merito di unificarne la gestione che oggi è nelle mani di Renato che è coadiuvato dai figli Mario e Laura. Per ora il confezionato è di 120.000 bottiglie realizzate dalle migliori uve dell’annata, mentre le rimanenti continuano ad essere vendute ad altre cantine. Questo anche perchè per scelta i Di Lorenzo non vendono alla grande distribuzione. Tutti i terreni sono in comune di Monreale, quindi all’interno dell’omonima DOC di cui Mario è il presidente; alcuni vini oltre che nella  DOC Monreale e nell’IGP Terre Siciliane saranno anche nella nuova DOC Sicilia. Dal 2011 l’enologo è Tonino Guzzo.
 
Ora parliamo del vino in degustazione il Grillo 2012 Terre Siciliane IGP che proviene dalle migliori uve del vitigno raccolte a mano iniziando dalla fine di agosto e dopo pochi minuti portate in cantina dove sono raffreddate a 20° e poi pressate delicatamente, sotto azoto per evitare le ossidazioni, per circa 2 ore. La fermentazione con lieviti selezionati è lenta, a temperatura controllata, e dura 10 giorni poi un affinamento in acciaio di quasi 5 mesi e a fine febbraio dopo la stabilizzazione a meno 4° e la filtrazione il vino va in bottiglia per altri 40 giorni almeno.

Nel calice il colore è giallo paglierino carico. Al naso si ha un’iniziale esplosione di frutta esotica, di ananas in particolare e continuando la roteazione si va trasformando verso una spiccata mineralità e verso sentori vegetali esplicitando agrumi e fiori di campo. Un olfatto intenso, fine, elegante e abbastanza complesso. Al palato affascina la robusta mineralità accompagnata da una vivace acidità; è un vino secco, sapido, intenso, di profonda struttura che lo fa sembrare più alcolico dei suoi 12,5°,  di complessa armonia e lungo, tanto lungo.
 
Un vino che si porge profumato ma specialmente minerale e potente capace di abbinare anche piatti di pesce più complessi, di sostituire i rossi per coloro che non li amano per cui potete berlo con una pizza, la pasta con le sarde e la mollica atturrata, polpettine di alici, un pollo alla pizzaiola e un formaggio forte o stagionato. Sono 13.000 bottiglie al costo di 9 euro.

Soc. Agr. Disisa
Contrada Disisa – Grisì
90046 Monreale (Pa)
uff. via Roma 392, Palermo
tel. 091 6127109
www.vinidisisa.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search