Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 31 Agosto 2019
di C.d.G.

di Federico Latteri

Enrico Serafino è uno dei nomi importanti nella storia moderna della produzione vinicola del nostro Paese. 

La cantina nasce nel 1878 a Canale, nel cuore del Roero. E' l'inizio di un percorso di successo che porterà i suoi vini in breve tempo sui più importanti mercati mondiali. Oggi è proprietà del Gruppo Campari, entrato a far parte della società statunitense Krause Holdings nel 2015. Le bottiglie prodotte annualmente sono circa 500 mila.

La gamma di etichette, molto varia, è costituita da spumanti Alta Langa, tipologia di grande successo per la quale l'azienda è considerata un riferimento e vini fermi di prestigiose denominazioni di Langhe, Roero e altre aree del Piemonte. Uniche le vecchie annate custodite nelle cantine che arrivano al 1939 per il Barolo e al 1949 per il Barbaresco.

Abbiamo degustato il Langhe Doc Nebbiolo Picotener 2017, un rosso originale, diverso dal solito, ottenuto da un'antica sottovarietà del vitigno quasi scomparsa, rivalutata da Enrico Serafino. Il Picotener ha caratteristiche particolari, alcune delle quali come la bassa resa produttiva e il basso vigore vegetativo hanno favorito il suo abbandono da parte dei viticoltori.

E' resistente ai climi rigidi e dà vini più colorati con aromi intensi e distintivi. Il progetto è stato portato avanti nella convinzione dell'importanza di riscoprire qualcosa che sia un'autentica espressione indigena del Piemonte. Un ulteriore incoraggiamento a procedere in questa direzione è arrivato dall'articolo pubblicato sull'importante rivista scientifica Nature che ha evidenziato l'esistenza di molte differenze nella genetica dei vari biotipi di Nebbiolo da cui, successivamente, deriverebbe la diversità dei vini ottenuti.

Si tratta della conferma di un aspetto già conosciuto empiricamente. I vigneti dai quali provengono le uve del Picotener si trovano a Canale, su un suolo di natura sabbiosa-argillosa. Hanno 10-12 anni di età, sono esposti a sud, sud est e sud ovest e vengono allevati a guyot. Sia la vendemmia che la selezione dei grappoli su un tavolo vibrante vengono fatte a mano. La diraspatura è seguita dalla fermentazione alcolica in acciaio inox a temperatura controllata con una parte degli acini interi e una parte che è stata sottoposta a pigiatura soffice. La macerazione sulle bucce si protrae per più di 18 giorni. Il vino matura in botti di rovere da 25-40 ettolitri per un anno.

Versato nel calice, offre un colore rosso rubino di media intensità. E' fine all'olfatto con profumi di viola, visciola, un cenno agrumato, una tenue nota terrosa e sentori di spezie. Segue un palato fresco, compatto e articolato, caratterizzato da una progressione che inizia con un ingresso snello, poi acquista consistenza grazie ai tannini ben presenti e termina con una chiusura lunga e sapida. Può essere abbinato a primi piatti ricchi, carni di vario genere, preparazioni a base di funghi porcini e formaggi stagionati dal gusto non molto intenso.           

Rubrica a cura di Salvi Giusino

Enrico Serafino
Corso Asti, 5 - Canale (Cn)
T. 0173 979485
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.enricoserafino.it
 

IL VINO IN PILLOLE


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search