Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 13 Agosto 2016
di Fabrizio Carrera

Nero d’Avola Terre Siciliane Igp

di Gianni Paternò

Antonino Ortoleva, famiglia di agricoltori, da Partinico in provincia di Palermo si trasferì, comprando nel 1977 una tenuta, in contrada Chiarchiaro a Butera nella parte meridionale della provincia di Caltanissetta. Erano 22 ettari di mandorleti, vigneti e pescheti; allora si vendevano le uve e si faceva il vino per la famiglia. Il figlio Domenico lo affiancava, memore dell’esperienza partinicese di quand’era ancora bambino e il vino si faceva pestando le uve con i piedi nei palmenti in muratura. Erano 6 ettari di vigneti e negli anni successivi se ne impiantarono altri fino ad arrivare oggi a 16 ettari in produzione a cui se ne aggiungeranno altri 6 l’anno venturo.


(Il baglio) 

Dal 2006 inizia per l’azienda una nuova vita. Si ristrutturano i fabbricati con un bel baglio, cominciando a realizzare la cantina che ancora oggi è in ampliamento. I primi anni si vendeva il vino sfuso, poi visti i complimenti ricevuti dagli acquirenti nel 2010 si intraprende l’avventura dell’imbottigliamento. Un’attività iniziata in sordina, che cresce anno dopo anno. Oggi sono 35 mila le bottiglie, che per metà vanno all’estero, ma l’aumento è costante.


(Mariella e Domenico Ortoleva)

Domenico si occupa della produzione, la sorella Mariella di marketing ed è l’artefice del nome dell’azienda che prende spunto dalla contrada, ricca di terreni pietrosi, nonchè della denominazione dei vini, enologo è Donato Lo Vecchio. Le referenze sono 7 suddivise in 3 bianchi, altrettanti rossi ed un rosé in due linee e della più pregiata fa parte il Manaar che degustiamo.


(Nero d'Avola) 

Il nome deriva dall’arabo e si ispira alle stelle, alla luce, significando che proviene da una zona inondata dal sole e quest’ispirazione abbraccia anche le altre etichette; le uve sono ricavate dalla vigna di Nero d’Avola più anziana, del 2003, potata a Guyot. Vendemmia a mano con selezione dei grappoli, subito nella vicina cantina dove, dopo la diraspatura, fermenta a temperatura controllata con lieviti selezionati per una decina di giorni. Svinato va in barrique dove sosta 10 mesi. Nessuna chiarifica e filtrazione prima dell’imbottigliamento e nel vetro sosta per almeno 3 mesi.

Versato nel calice il colore è rosso rubino fitto, scuro. All’olfatto immediate note di amarene sotto spirito e in confettura seguite da quelle terziarie di cioccolato, pepe, caffè, un pizzico di cuoio, qualcosa di balsamico; interessante, intenso, franco e complesso. Al palato dopo un ingresso fruttato cambia verso diventando intenso e di vigorosa struttura, sviluppando bei tannini e un’acidità nella corretta misura, equilibrato e di grande soddisfazione. Non per niente comincia ad ottenere premi.

 
Abbiniamolo a primi robusti, a carni grigliate, ad un formaggio ragusano e nonostante la sua giovinezza può affrontare la prova salotto, gustandolo a solo. Sono 3.500 le bottiglie che potete trovare a 14 euro.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

 
PietraCava
contrada Chirchiaro
S.P. 8, km 4,000
93011 Butera (Cl)
te. 334 2410117
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.pietracavawines.it
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

3) Baccalà alla lucana

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search