Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 02 Luglio 2016
di C.d.G.

Trentino Doc

di Gianni Paternò

Erano gli anni '60 quando Aldo Secchi, nella bassa Vallagarina in Trentino verso il confine col Veneto, decise di realizzare un'azienda agricola. Erano circa 5 ettari e le uve prodotte qui erano vinificate nella piccola cantina, mentre il vino, ancora grezzo, era venduto a importanti aziende vinicole. Nel 1996 il figlio Alessandro, appena laureato in giurisprudenza, decide di dare sfogo alla sua passione: dedicarsi al vino.


(Alessandro Secchi) 

Quindi chiude la filiera, completa la cantina e la vinificazione fino ad arrivare al confezionamento e alla vendita diretta. In un territorio in cui praticamente tutti i vigneti erano a pergola quindi destinati a forti produzioni, Alessandro intuisce che se vuole fare qualità deve cambiare il tipo di impianto e di allevamento quindi poco a poco trasforma i tendoni a guyot.

Contemporaneamente acquista altri vigneti portando la proprietà a 12 ettari un po' sparsi comunque nelle vicinanze. Sono 2 ettari di Marzemino poi Lagrein, Cabernet sauvignon, Merlot, Pinot noir, in comune di Rovereto, in quanto questa zona del Trentino è particolarmente vocata per i vini rossi, c’è anche Pinot grigio, Chardonnay e Gewuztraminer dalle parti di Serravalle, frazione di Ala. Coltivazione sostenibile con attenzione all’ambiente per salvaguardare la vite e il frutto, niente concimazioni né irrigazione.


(Filare di Marzemino) 

In cantina con la consulenza enologica dell’altoatesino Albert Waifner, si prende un’altra decisione coraggiosa: dopo la fermentazione non si pressa, ma si sgronda solamente in maniera da prendere solo la parte migliore sempre a scapito della quantità. Le etichette sono 9 di cui un solo bianco per 40 mila bottiglie, che potrebbero essere di più. Ma Alessandro vinifica solo le uve migliori, vendendo le rimanenti.


(Grappolo di Marzemino) 

Degustiamo il Marzemino dall’omonimo vitigno autoctono che proviene anticamente dall’Asia minore e che fu introdotto ai tempi della Serenissima in Vallagarina, diventata quindi la patria del vitigno che da un vino fresco che non dovrebbe reggere molti anni di invecchiamento. La vendemmia entro il 10 settembre, pigiadiraspatura, fermentazione con rimontaggi a temperatura controllata innescata da pochi lieviti selezionati per circa una settimana. Dopo la svinatura il 70% affina in acciaio il resto in barrique per dare complessità ed eleganza; a marzo chiarifica e filtrazione e va in bottiglia dove rimane per 3 mesi.

Versato nel calice il colore è rosso rubino brillante e un po' chiaro. Al naso immediate sensazioni di freschezza accompagnate da note di viola, fieno, fragola, mirtilli, liquirizia, nocciola, salvia, olfatto interessante e intrigante. In bocca si ritrovano le sensazioni olfattive fragranti, con una equilibrata acidità, tannini in giusta misura, struttura ben definita, una lunga e piacevole persistenza, un’ottima bevibilità.

Abbiniamolo ad un risotto con salsiccia, a polpette al sugo, ad un formaggio di malga. Abbassandone la temperatura sarà splendido con una tagliata di tonno. Sono 5 mila bottiglie che allo scaffale pagate 13 euro: affatto troppo.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

 
Alessandro Secchi
via Zenatti 10
38061 Serravalle all’Adige, Ala (Tn)
tel. 0464 696647
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.secchivini.it
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search