Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 06 Gennaio 2018
di C.d.G.

di Federico Latteri

Feudi del Pisciotto è una delle aziende del gruppo Domini Castellare di Castellina, realtà di prestigio del vino italiano di proprietà dell’editore Paolo Panerai di cui fanno parte anche la cantina chiantigiana Castellare di Castellina, la maremmana Rocca di Frassinello e la giovane Gurra di Mare, situata a Menfi nell’Agrigentino. 

Ci troviamo nella parte sud orientale della Sicilia, nel territorio di Niscemi in provincia di Caltanissetta, a circa 7 chilometri dal mare. La proprietà, derivante da uno storico feudo del '700, è un corpo unico di 200 ettari, di cui 44 vitati, che si estende ad un’altitudine compresa tra 100 e 300 metri. Al suo interno si trova un antico fabbricato con un palmento sapientemente restaurato accanto al quale è stata costruita una moderna cantina provvista di attrezzature all’avanguardia.

Inoltre, parte della struttura è stata trasformata in uno splendido e suggestivo relais con 10 camere e un ristorante. Il suolo costituito da terre gialle a medio impasto e il particolare microclima dovuto alla vicinanza del mare e della Riserva naturale orientata Sughereta rendono questa zona molto adatta alla coltivazione della vite. Sono presenti diverse varietà autoctone come Grillo, Inzolia, Catarratto, Nero d’Avola e Frappato, internazionali come Chardonnay, Merlot e Cabernet Sauvignon e vitigni non comuni da queste parti come Semillon e Gewurztraminer.

La filosofia produttiva ha come obiettivo l’alta qualità nel rispetto dell’ambiente. I vigneti sono coltivati secondo il metodo convenzionale con riduzione di fitofarmaci e grande attenzione è rivolta ad ogni fase della produzione, fino alla scelta dei materiali per il packaging, al fine di minimizzare l’impatto ambientale. Il giovane enologo Marco Parisi si occupa quotidianamente della cantina e dei vigneti, seguendo le direttive di Alessandro Cellai, capo degli enologi delle quattro aziende del gruppo Dcc e direttore generale.

Le bottiglie commercializzate annualmente sono circa 450 mila e la gamma dei vini è divisa in due linee, Baglio del Sole e Grandi Stilisti. La prima è composta da prodotti di pronta beva, 4 referenze in tutto, la seconda da bottiglie più importanti con le etichette disegnate da famosi stilisti di moda italiani come Giambattista Valli, Alberta Ferretti, Versace, Ferrè e Missoni più il Pinot Nero L’Eterno il cui nome deriva dalla scultura di Giacomo Serpotta restaurata grazie al finanziamento di Feudi del Pisciotto. C’e anche uno spumante rosato da uve Nero d’Avola, il Davolarosa.

Molto buono il Nero d’Avola Versace 2015 da noi degustato, un rosso solare che ben esprime il carattere di questa parte della Sicilia. Le uve provengono da vigneti allevati a cordone speronato con densità d’impianto di 6 mila ceppi per ettaro. Matura 10 mesi in barrique per metà nuove. Offre un colore rosso rubino carico seguito da un naso intenso e complesso con amarena, prugna, cappero e una nota marina iodata.

Al palato è ricco, potente, ma mai eccessivo grazie al buon equilibrio e all’ordinata e dinamica successione delle sensazioni. Il gusto è dominato dalla componente fruttata arricchita da una nota dolce e da una punta sapida. Delicati i tannini e lunga la persistenza. Si abbina bene a piatti a base di carne come gli arrosti o il falsomagro. E’ ottimo con il Piacentinu ennese, il Ragusano e altri formaggi stagionati. Viene venduto sugli scaffali delle enoteche al prezzo di 18 euro. 

Rubrica a cura di Salvo Giusino

Feudi del Pisciotto
Contrada Pisciotto, Sp 31 Km 2
93015 Niscemi (Cl)
Tel. +39  331 2169241
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.castellare.it/it/feudi-del-pisciotto/


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search