Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 17 Ottobre2015

Nocera in purezza Igt Sicilia

I Paone da circa 100 anni sono vissuti in mezzo ai vigneti. Cominciarono dalla produzione in vivaio delle barbatelle, a cui aggiunsero il lavoro dell’innesto, poi l’acquisto e la commercializzazione di vino. La svolta iniziò nel 1975 quando Mimmo si diplomò enologo. Si passò all’imbottigliamento, poi alla vinificazione di uve, acquistate fino agli anni '90. Con la nascita dell'azienda, lo stesso Mimmo Paone compra i terreni impiantando le prime vigne in territorio di Torregrotta, dove nel 2004 sarebbe nata la Doc Mamertino e di Messina dove già dal 1974 esisteva la Doc Faro. Quindi una costante evoluzione votata allo sviluppo e alla qualità, con Mimmo che, oltre a valorizzare autoctoni come Nerello Mascalese e Cappuccio, Nero d’Avola, Grillo e Insolia, intuisce le potenzialità del locale Nocera.


(Grappolo di Nocera)

Questo è un vitigno di antica tradizione, tipico della provincia messinese, capace di dare vino a forte grado alcolico che prendeva le strade verso il nord per irrobustirne anemici vini. Come spesso succede, fu poi dimenticato per dar posto alle mode del momento, iniziando un lento declino. Mimmo, come qualche altro produttore della zona, lo ripristina, ci studia sopra, lo valorizza per farne un suo vino di punta. Oggi gli ettari di proprietà sono 7 a cui si aggiungono altri vigneti in convenzione nell’agrigentino e nel trapanese dove seguendone tutta la coltivazione si acquistano le uve. Mimmo è ormai affiancato dai figli Fabio che fa l’enologo, Simone il commerciale e Donatella l’amministrativa.

(Donatella, Giuseppe, Mimmo e Simone Paone)

Le etichette da uve di propria produzione sono 5 mentre il totale di bottiglie prodotte è 200 mila. I vigneti sono condotti in biologico certificato anche se per scelta non è indicato in etichetta. Noi degustiamo il Nocera che da Igt Sicilia dal 2012 è diventato Doc Sicilia assumendo il nome commerciale di Arte, scelto per indicare la cura e l’attenzione con cui è prodotto.

Il Nocera è coltivato in località Castanea di Messina a 400 metri in terreni a medio impasto-sabbiosi. Vendemmia con selezione dei migliori grappoli. Dopo la diraspatura il mosto macera e vinifica secondo il metodo Ganimede in brevettati contenitori in acciaio che sfruttano l’anidride carbonica prodotta per mescolare e umidificare il cappello ed estrarre delicatamente il massimo di polifenoli e di sostanze nobili contenute nelle bucce permettendo anche una facile e selettiva eliminazione dei vinaccioli. Dopo la malolattica il vino affina per 6 mesi in botti e per altri 6 in bottiglia.

Versato nel bicchiere il colore è rosso quasi granato, denso. Al naso è serioso, con note cupe di pepe nero, cioccolato, liquirizia, fieno secco, poca frutta, da vino austero, distaccato, esclusivo. In bocca inizia morbido e caldo, possente per poi risvegliare una buona vena acida e dei tannini addolciti, ma vispi; è armonico e rotondo.

Da abbinare a piatti anche complessi, ma ben amalgamati: lasagne al forno, carne al ragout, formaggio Maiorchino. Vi darà ampia soddisfazione se lo gusterete in salotto. Sono 6 mila bottiglie che allo scaffale si trovano a 15 euro.
 
 

Cantine Mimmo Paone
corso Sicilia 61
Torregrotta (Me)
tel. 0909981101
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search