Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi

Andrea Camaschella

Marina V. Carrera

Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone

Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri

Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi

Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri

Enzo Raneri

Mauro Ricci

Emanuele Scarci

Marco Sciarrini

Sara Spanò

Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli

Maristella Vita

Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 07 Gennaio 2017
di C.d.G.

di Gianni Paternò

Montepulciano d’Abruzzo Doc.

Dai primi anni del '900 la famiglia Di Camillo si dedica a coltivare vigneti, di cui vendeva le uve, nelle colline ad est di Chieti. Fu Domenico nel 1978 a realizzare una piccola cantina ad Ari e nei primi anni a vendere vino sfuso. La prima imbottigliatrice fu acquistata nel 1996 e pian piano si cominciò ad incrementare la produzione di qualità. Oggi, con i figli enologi Luigi, diventato nel frattempo il titolare, e Valentina, che si dedica principalmente alla commercializzazione e alla comunicazione, Tenuta I Fauri è una realtà da 35 ettari di vigneti, nella maggior parte a Villamagna, Francavilla a Mare, Ari. Una seconda cantina è stata realizzata a Chieti dove si vinificano i bianchi.


(Luigi e Valentina Di Camillo)

Colline dal paesaggio mozzafiato che vanno dai 150 ai 250 metri, vigneti abbastanza sparsi, ma al massimo distanti 10 minuti dalle cantine, terreni di varia natura, vitigno principale il Montepulciano che ne occupa la metà, poi nell’ordine Trebbiano, Pecorino, Passerina, Chardonnay, Pinot Nero ed altri per meno di un ettaro ciascuno. Allevamento a spalliera, a tendone e a cortina semplice, caratterizzata da un cordone alto oltre i 150 centimetri da cui pendono i capi a frutto. Coltivazione di tipo sostenibile in cui i rari trattamenti fitosanitari non biologici sono effettuati solamente quando strettamente necessari.

Dei 300 mila ettolitri di vino la metà è venduto sfuso nel punto vendita di Chieti, il resto, in forte incremento, è imbottigliato con una vendita all’estero per il 40%. La filosofia dei Di Camillo è votata a fare vini della tradizione, vini che fanno pochissimo legno con affinamenti principalmente nelle vasche di cemento. In programma l’ampliamento della cantina di Ari dove sarà portata tutta la produzione e dove saranno realizzate le strutture per l’accoglienza anche residenziale.


(La cantina)

Degustiamo Ottobre Rosso, uno dei vini di punta, chiamato così da Domenico in quanto il Montepulciano matura tardi ed è vendemmiato appunto in ottobre. Il Montepulciano è un vitigno confuso spesso nel passato col Sangiovese, un vitigno che tenderebbe a dare vini rustici, molto strutturati, tannici che negli ultimi anni si è riusciti a rendere anche eleganti e ricchi di profumi. Il nostro proviene da cortina e tendone potato drasticamente per ridurne la produzione.


(Grappoli di Montepulciano)

Vendemmia a mano e subito le uve portate ad Ari dove pigio-diraspate macerano e fermentano con lieviti spontanei nelle annate migliori come nel caso del 2015; la macerazione dura al massimo 10 giorni, proprio per non estrarre molti tannini di cui le bucce sono ricche, in vasche di cemento non termocondizionate. Affinamento in cemento e parte in acciaio per circa 6 mesi, nel nostro caso è stato filtrato, ma non chiarificato, pochissimi i solfiti, in totale meno di 80 milligrammi per litro.

Nel calice il colore è rubino intenso con vivaci sfumature viola. Un naso complesso ed interessante: un piacevole connubio di sentori fruttati (ciliegia, amarena, prugna), balsamici, speziati e con un pizzico di selvaggio. Al gusto è fresco, si apre beverino per poi crescere in ampiezza e corpo; tannini quelli giusti, una buona presenza di acidità e una nota amarognola nel finale lunghissimo che lascia il palato fragrante. Un vino che a tavola dà grandi soddisfazioni.

Un rosso abbastanza universale, si accompagna a piatti di carne anche grassa, a verdure grigliate, ai vari pecorini abruzzesi, perfetto con baccalà in umido con patate e pomodorini. Sono 20 mila bottiglie che in enoteca trovate a 12 euro.

Rubrica a cura di Salvo Giusino

 
Tenuta I Fauri
via Masci 151
66100 Chieti (Ch)
tel. 0871 332627
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.tenutaifauri.it
 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search