Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana il 06 Settembre2013

Verdeca.

Il Castello di cui parliamo in realtà dal  1482 era un monastero di monaci basiliani e diventa castello perchè nell’800 una famiglia francese della Borgogna che aveva avuto i propri vigneti distrutti dalla fillossera cercando climi aridi comprò monastero e terreni intorno e siccome in Borgogna come rosso si fa quasi esclusivamente Pinot Noir, e quello conoscevano, ve lo piantarono. Poichè molte, se non la maggior parte, delle cantine transalpine sono chiamate Chateau, il monastero non fu da meno. Questo fino al 1908 perchè i francesi vendettero tutto e se ne tornarono nei loro lidi anche perchè in realtà quelli non erano territori adatti al difficile e nobile Pinot.
 
La tenuta, a Salice Salentino, allora 15 ha di vigneto, fu acquistata dalla famiglia Seracca Guerrieri che continua a ad occuparsene. Oggi sono 200 ha di cui 140 a vigneti, prevalentemente a bacca rossa di Primitivo, Malvasia Nera, Negramaro; il Castello è diventato anche sede turistica e di eventi, un wine-shop che vende i prodotti del territorio che è anche museo del vino, 5 comode camere. Dal 1990 del Pinot non c’è più traccia, ma solo vitigni autoctoni. Altro possedimento di 50 ha nei terreni sabbiosi di Tuturano  (Br) dove ci sono i bianchi e a Trepuzi (Le), sul calcare, dove c’è il Negramaro. A parte il Salice Salentino tutti i vini sono di monovitigno ed in totale sono quasi 2 milioni di bottiglie, oltre la metà nella linea base Feudo Monaci che va anche nella GDO. Mercato principale è l’estero. Della famiglia, Vitantonio si occupa della campagna da quando aveva 15 anni, il figlio Luigi è responsabile della produzione e vendita, la sorella Vittoria aiuta la madre nell’attività di ricezione.

Il vino che recensiamo è di Verdeca, un vitigno tipico pugliese anche se in calo, in genere abbastanza neutro che veniva utilizzato specialmente per fare il vermouth. Sono 15 ha a guyot piantati nel 2004 in terreni a pochi metri di quota ma con buona escursione termica, a 2 km dal mare, vendemmiati a fine agosto per evitare un grado zuccherino eccessivo perchè l’intendimento è di fare un vino leggero da 12°, da bere in estate. Macerazione con le bucce di circa 7 giorni a temperature basse in riduzione di ossigeno per riuscire ad ottenere belle note fruttate da un vino poco profumato. Lieviti selezionati, imbottigliamento nei primi di gennaio e praticamente commercializzato subito perchè è un vino già pronto, da bere giovane. Enologo è Leonardo Sergio.

Il Petraluce, il cui nome indica le caratteristiche peculiari del suo territorio, nasce proprio con l’anno 2012. Nel calice il colore è giallo paglierino. Al naso si esprime con molta frutta e qualche fiore e man mano che si ossigena escono pure note vegetali; così il bouquet si ritrova in perfetto equilibrio tra frutta tropicale e pesca, fiori di glicine e violetta, erba di fieno falciato. In bocca entra morbido poi va crescendo in acidità, mineralità e una buona sapidità, si riavverte la frutta questa volta più acerba. Un corpo denso e una bella struttura che fa sentire un vino addirittura più alcolico dei suoi 12 gradi, un finale secco e lungo. Un bel prodotto che invita a bere e che dimostra che anche dalla Verdeca si possono cavare belle sensazioni.
 
Da abbinare a pesci grassi, ad una pasta col pesto di basilico, anche con un petto di pollo alla griglia. 20 mila bottiglie il cui prezzo medio in enoteca è 8,50 euro.

Castello Monaci
Contrada Monaci
via Case Sparse
73015 Salice Salentino (Le)
tel. 0831 665372 - 666071
www.castellomonaci.it
www.castellomonaci-winetour.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Abbruzzino

Ristorante Abbruzzino

Catanzaro

4) Pane, olio e zucchero

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search