Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana
di Redazione

Una antica azienda con una moderna vendita: solo online. IGT delle Venezie.

Ci ha colpito che una storica famiglia di nobili dediti alla campagna si sia convertita a vendere il vino direttamente e solo online. In genere la vendita online è propria di aziende che con pochi soldi ti vendono un sacco di roba che pertanto  non potrà essere eccelsa. Qui il caso è diverso, il giovane Alvise Fioravanti Onesti,che ormai amministra l’azienda, si è stancato di dare provvigioni ad agenti e distributori e specialmente di avere oltre il 30% di insoluto per cui ha deciso di vendere online così è pagato addirittura in anticipo e il consumatore ha l’enorme vantaggio di acquistare un ottimo vino direttamente dal produttore, senza intermediari, con un notevole risparmio economico.


Alvise Fioravanti Onesti 

Ma ora raccontiamo in poche parole la lunga storia del casato degli Onesti. Già nel 951 si legge che nacque da Sergio degli Onesti il frate Romualdo che invece di guerreggiare come allor si solea abbracciò la carriera monacale, divenne Santo e tra i monasteri che fondò c’è quello famoso di Camaldoli. Al grande amore di Nastagio degli Onesti verso la figlia di Paolo Traversari è dedicata la quinta giornata del Decamerone di Boccaccio che poi ispirò nel 1483 il Botticelli che ne dipinse 4 pannelli ora divisi in musei tra quel di Firenze e Madrid.

Nei primi anni dell’ottocento Francesco Fioravanti Onesti acquistò un bell’appezzamento di terre in Rovarè di San Biagio di Callalta (Tv) i cui terreni erano così fertili e la conduzione così dotta che ne parlarono gli storici trevigiani. Una volta vi insisteva la gran bella ed imponente Villa da Lezze i cui disegni si possono ammirare al Museo Correr di Venezia, purtroppo distrutta da un incendio. Di essa rimane la massiccia Torre attorno alla quale sono state erette le fabbriche padronali.

Passiamo a quel che più ci preme: le vigne. Sono 70 ettari che ultimamente sono state completamente rinnovate da circa 6 anni. Aristocraticamente, come gli importanti Chateaux, i vitigni sono solo 3: Glera (Prosecco) Pinot Grigio e Cabernet Franc, le etichette 4 di cui 2 Prosecco. Le bottiglie prodotte per ora sono solo 15.000, annualmente in crescita, le rimanenti uve vendute.
 
La conduzione di tutta l’azienda è di tipo sostenibile, dagli impianti fotovoltaici ai pioppeti per cippato da caldaia e i vigneti essendo nuovi sono stati impiantati per la raccolta meccanizzata che a detta di Alvise diventa, oltre che più economica, miglioratrice della qualità in quanto con lo scuotimento dei tralci cadono e sono raccolti soltanto gli acini sani mentre quelli colpiti da marciume e funghi rimangono attaccati. Le vigne sono pressappoco a livello marino pregne di terreni a caranto, un paleosuolo ricco di argille limose e limi sabbiosi alluvionali tipico del veneziano.

Degustiamo il Pinot Grigio che fa solo acciaio, vinifica con pochi lieviti selezionati e pochissimi solfiti aggiunti. Versato nel calice assume un colore paglierino chiaro con nuances ramate. Al naso è abbastanza intenso, perfettamente franco, esprime note di pera Williams e di mela, di fiori di acacia e di qualcosa di erbaceo, ma molto lieve. Olfatto impeccabile ed affabile. La bocca risulta piena, di rotondo equilibrio acido-minerale, struttura non esagerata da vino deciso e gentile al contempo, secco, dal finale lungo, leggermente amarognolo. Molto piacevole ed interessante, profumato ma non troppo, strutturato ma delicato.

Da bere come aperitivo ed abbinare ad un piatto di risi e bisi, un fritto di calamari, un gorgonzola dolce. Sono 6.000 bottiglie che come detto non trovate in qualche enoteca, bensì tutti potete correre al pc ad acquistarlo nel sito aziendale. Vi arriveranno a casa 6 bottiglie al prezzo di 39 euro, spedizione compresa. Dite se non sia un affare.

Fioravanti Onesti Az. Agr.
via XXV Aprile 6
31048 San Biagio Di Callalta (Tv)
tel. 0422 797118
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.fioravantionesti.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search