Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana
di Redazione

Nero d'Avola in purezza.

Tanti si sono innamorati della Toscana e hanno acquistato poderi e cascinali in quella splendida terra, ne sanno qualcosa gli inglesi e gli americani. Ma ogni tanto può succedere che dei toscani si lascino incantare dalla campagna siciliana, ne rimangano affascinati dai colori, dal sole, dal clima, dalle potenzialità in agricoltura ancora poco espresse.
 
E' quello che è successo ad Antonio Moretti, un aretino dalle tante occupazioni ma che già possedeva una cantina nella sua regione e che arrivando a Noto si è innamorato della sua campagna immaginando subito che poteva rappresentare una chicca e costituire un nucleo di eccellenza per l'agricoltura e la viticoltura di qualità. Così nel 2001 ha acquistato un podere proveniente da una proprietà estremamente frammentata, come spesso succede nell'Isola. Erano 15 ettari di vigneto, tutto ad alberello di NdA e di Grillo e già il 2002 è stata la prima annata con il nome della contrada: Feudo Maccari.
La famiglia Moretti ha iniziato immediatamente  con una sana e attenta gestione, aumentando nel tempo la superficie e impiantando nuovi vigneti, ma sempre ad alberello per privilegiare la qualità anche a scapito dell'economicità e della facilità di coltivazione. Oggi la tenuta, che comprende anche terreni in contrada Bufalefi, è di 140 ha di cui 40 a vigneti di NdA, Cabernet, Grillo, poco Petit Verdot e altrettanto Moscato di Noto ma chiaramente l'anima dell'azienda è costituita dal Nero d'Avola, vitigno che secondo molti studiosi proprio in quelle zone oltre ad avere avuto i natali raccoglie le migliori qualità dal territorio.

 

Oggi l'azienda che  produce 150.000 bottiglie è nelle mani della figlia Monica che, per non privarsi di niente, si avvale di un intero team di enologi per creare al meglio i propri vini, per tirar fuori da pochi grappoli di uva per pianta quanto di meglio la natura e la competente azione dell'uomo possa essere capace.
 
Il Saia 2010 è ricavato da vigneti con 5.500 piante per ettaro che vengono ridotte a produrre solo 60 q/ha di uva. Il nome in dialetto significa canaletta di irrigazione che, introdotta dagli arabi, serviva per addurre le acque a scorrimento fino alle piante. La vendemmia tra la fine di settembre e i primi di ottobre con una macerazione fra i 10 e i 18 giorni secondo l'annata fermentando con lieviti spontanei. Poi in legno di barriques e di tonneaux dove il vino riposa dai 10 ai 14 mesi, infine senza essere filtrato va in bottiglia per alcuni mesi. L'annata che degustiamo è stata commercializzata a luglio.

Nel calice un rosso rubino intenso. All'olfatto si presenta immediatamente complesso e fine nello stesso tempo. E' un'esplosione armonica di spezie, pepe nero in particolare, di frutti rossi maturi, di liquirizia, il tutto su un sottofondo lieve di cuoio. Perfettamente franco e fascinosamente elegante ed intenso inebria il naso. Al palato è pieno, rotondo, potente con i suoi 14,5 gradi di alcol, di stupefacente armonia. I tannini si avvertono ma in punta di piedi, come a dire ci siamo ma non disturbiamo; una discreta acidità accompagna la ciliegia matura e con un finale indefinitamente lungo un retrogusto di melograno vi accompagna per tanto tempo. Insomma un'altissima espressione di Nero d'Avola che dimostra come questo vitigno sappia dare vini di assoluta eccellenza.
Potete trovarne 55.000 bottiglie al prezzo di 16 euro.
 
Abbinatelo come vi aggrada, ma vi invitiamo a gustarlo con un cioccolato amaro o un toscanello al caffè mentre guardate un film in TV.

Feudo Maccari
S.P. Pachino-Noto km 13,5
96017 Noto (Sr)
tel. 0931 596894
www.feudomaccari.it





Recensioni
di Giovanni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search