Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Quando una scuola di agraria fa un eccellente vino.

C’è gente che prosaicamente, anzi poeticamente, dichiara di commuoversi bevendo un vino. A noi, devastati da una formazione tecnico-scientifica, non spunta la lacrima assaggiando anche il miglior vino al mondo. In compenso siamo sensibili quando dietro una buona bottiglia della bevanda di Bacco ci sia una bella storia, un’interessante avventura, si manifestino particolari difficoltà che si sono dovute superare.
 
Questo è il caso del vino che degustiamo anzi della particolare azienda che lo produce: un Istituto agrario di Messina. Infatti Cuppari è una scuola superiore agraria che nasce nel 1898 in un monastero benedettino del trecento acquistato dalla Provincia, che nel 2000 secondo le geniali iniziative italiane viene accorpato ad altri due di diverso indirizzo formando una sezione dell’Istituto di Istruzione Superiore G. Minutoli. Siamo in contrada San Placido-Calonerò, ad alcuni km a sud del centro di Messina, e come tutti gli istituti agrari che si rispettino, attorno allo splendido edificio storico ci sono alcuni ettari coltivati variamente che servono all’istruzione pratica degli allievi. Nel 1976 fu approvato il regolamento della DOC Faro, per cui l’Istituto pensò che era venuto il momento di trasformare il vigneto e farlo riconoscere come DOC.
 
La vera svolta nel 2005 in cui le viti furono estirpate e reimpiantate in maniera più moderna e razionale perchè era venuta l’idea che si potesse affiancare all’attività didattica quella commerciale creando un vino di grande respiro che risultasse da sprone per l’impegno scolastico. Questo progetto fu sposato con entusiasmo da Pietro G. La Tona che dal 2007 dirige l’intero Istituto.

 
Pietro La Tona e Salvatore Galletta

Artefici dell’ardito progetto sono Leopoldo Moleti, il vicepreside, Maurizio Costantino rispettivamente docente e insegnante tecnico di chimica e industrie agrarie mentre della coltivazione se ne occupa il docente Salvatore Galletta.


da sinistra Maurizio Costantino, Leopoldo Moleti e Nicola Centonze

L’aspetto più affascinante di questa avventura, resa difficile dalle pastoie burocratiche a cui è soggetta la scuola, è costituito dalla assidua partecipazione degli studenti a cominciare dal terzo anno che in campagna imparano ed agiscono sotto la guida dei docenti e di operatori esperti e nella nuova cantina dal 5° anno mettono mano alle operazioni di vinificazione. La vera festa è la vendemmia quando tutti i ragazzi sono coinvolti nella raccolta dell’uva, evento tanto ambito che gli studenti vi corrono ancor prima che cominci l’anno scolastico.

L’indirizzo agroalimentare e agroindustriale è in continua crescita e al Cuppari fa da maggior cassa di risonanza il grande successo conseguito dal vino della scuola, il San Placido, tanto apprezzato che  la Guida dei Vini di Sicilia, curata dal nostro giornale, ha attribuito all’Istituto il premio come miglior produttore di vino 2014 anche per la bella iniziativa. Oggi sono 250 allievi suddivisi in 12 classi.
 
Ora discettiamo del vino prodotto, che degustiamo nell’ultimo millesimo attualmente in commercio; del precedente sono rimaste mille bottiglie che non saranno in vendita perchè scopo principale dell’intrapresa non è fare cassa bensì sperimentare e studiarne l’evoluzione. I vigneti sono di due tipi, quello più vicino al fabbricato è terrazzato e con terreno sciolto, l’altro più in basso e distante solo 350 metri dal mare è più argilloso.


l'Istituto e i suoi terreni

Seguendo il disciplinare il San Placido è composto dal 55% di Nerello Madscalese, 25% di Cappuccio, 10% di Nocera, il restante 10% di Sangiovese e Nero d’Avola. Inspiegabilmente non c’è retroetichetta.
La vendemmia che inizia a fine agosto è diversificata, col Nerello Mascalese per ultimo; dopo la fermentazione inoculata da lieviti selezionati l’affinamento avviene in tonneaux da 500 litri di rovere e castagno e in qualche barrique fino a 18 mesi. Chiarifica, filtrazione leggera, pochissimi solfiti e imbottigliamento con stasi di almeno 3 mesi. La consulenza enologica è di Nicola Centonze.

Versato nel calice il colore è rubino con sfumature leggermente aranciate. Al naso si esprime equilibratissimo, aristocratico, pieno, elegante anche se non particolarmente intenso. Non è facile scoprire cosa predomini, comunque si avverte amarena sotto spirito, confettura di prugne, cuoio poco, pepe tanto, anice, perfettamente franco. Al palato si conferma l’armonia con tannini veramente morbidi, anche se avvertibili, bilanciati da una godibile acidità; è maturo, corposo con un retrogusto molto lungo che pervade con una inaspettata freschezza finale. Di una grande, piccola DOC un gran bel vino che sta ottenendo un successo crescente che non potrà che incrementarsi con l’avanzare dell’età delle viti.
 
Abbiniamolo con un’infinità di piatti non particolarmente grassi nè acidi. Noi l’abbiamo apprezzato con pasta e fagioli, un agnello al forno con patate, broccoli (sparacelli in palermitano) saltati, un provolone medio-piccante. Sono 8.000 bottiglie ed in enoteca si trovano a 20 euro con cui oltre ad un ottimo vino comprerete anche un sogno.

Cuppari
C.da San Placido-Calonerò
S.P. 35, km 1,6
98138 Messina
tel. 090 821107
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.cantinecuppari.it
www.istitutosuperioreminutoli.gov.it





Recensioni
di Gianni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

1) Capesante alla piastra, broccoli e pomodorini

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search