Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana
di Redazione

Pinot noir. Dovendo parlare di questo vitigno, preferiamo riportarvi integralmente un brano del film che nessun appassionato enoico dovrebbe perdere: “Sideways, in viaggio con Jack”.

Jack, interpretato magistralmente da Paul Giamatti, profondo conoscitore e amante dei buoni vini, viaggia in California visitando cantine ed assaggiando vini. Chiacchierando con una sua amica, anch'essa appassionata, si esprime così: “Amo tanto il Pinot noir perchè è un'uva ardua da coltivare, ha la buccia sottile, è sensibile, matura presto, non è una forza come il cabernet che riesce a crescere dovunque e fiorisce anche quando è trascurato. Al Pinot nero servono cure ed attenzioni, cresce solo in certi piccolissimi angoli nascosti nel mondo e solo il più paziente ed amorevole dei coltivatori può farcela; solo chi comprende realmente il suo potenziale sa farlo rendere al massimo della sua espressione. I suoi aromi sono i più ammalianti e brillanti, eccitanti e sottili e antichi.”
 
Dopo queste bellissime parole non ci rimane che stare in silenzio e poi passare direttamente al Nawàri, IGP 2009, che in arabo significa zingaro in considerazione che il Pinot noir nell'isola è come uno zingaro in terra straniera. Duca di Salaparuta di Casteldaccia è una delle più antiche cantine siciliane, addirittura dal 1824, già famosa quando le cantine isolane note si potevano contare sulle dita di una mano. Dopo una parentesi di proprietà della Regione Siciliana fu acquistata nel 2001 dall' ILVA di Saronno, quella del popolare Amaretto. Oggi il gruppo Duca comprende tre marchi: Corvo, Duca di Salaparuta e Florio, altra storica cantina; possiede 104 ha di proprietà ma gestisce ben 2.300 ettari di vigneti con una produzione di circa 10 milioni di bottiglie più 3 milioni con la Florio.

Sull'Etna, nella zona più vocata del vulcano, possiede 9 ha in comune di Castiglione di Sicilia nel podere Vajasindi che da il nome alla linea. Siamo a 700 m sul versante nord appena aperto ad oriente, quello più fresco dove in inverno la neve vi dorme e il Pinot , oltre naturalmente al Nerello mascalese, ha trovato le condizioni meteorologiche e pedologiche per riuscire bene . La conduzione agricola guidata da Francesco Pizzo prevede trattamenti solo in caso di assoluta necessità, basse produzioni in vigneto allevato a contro-spalliera, vendemmia a mano a completa maturazione, in genere alla fine di settembre.  In cantina una macerazione di otto giorni a 28° in acciaio dove svolge anche la malolattica con affinamento di 12 mesi in barriques non nuove e in bottiglia per altri 6.

Nel calice colore rubino con trasparenze. Al naso si avvertono già a bicchiere  fermo eleganti note di frutti rossi che vanno sprigionandosi all'aumentare dell'ossigeno. Comincia a prevalere l'amarena su un sottofondo speziato e leggermente erbaceo. Perfettamente franco e buona intensità. Al gusto arrivano i tannini dolci ma evidenti, i frutti rossi impregnano la gola e su un impalpabile velo di amaro spicca la sua acidità che diventa il parametro più evidente. Buono il corpo con una consistenza polposa e un finale abbastanza lungo. Non eccessivamente alcolico con i suoi 13°.
La sua acidità permette un ampio range di abbinamenti, anche insoliti, che che possono andare dai pesci all'acqua pazza, agli ortaggi stufati e spezie orientali, ad un provolone stagionato e grigliato.
A 26 euro avete a disposizione 3.000 bottiglie.

Duca di Salaparuta s.p.a.
Via Nazionale SS 113
90014 Casteldaccia (Pa)
tel. 091 945201
www.duca.it





Recensioni
di Giovanni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search