Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Il vino della settimana
di Redazione

Zibibbo. Quale parola meglio di questa può evocare nell'appassionato enoico i concetti di sole, di caldo, di profumi, di mare, insomma di Sicilia?

Lo consideriamo come il vino-vitigno che forse meglio si identifica con l'enologia siciliana. Almeno come lo stesso Nero D'avola, il rosso autoctono che ha lanciato la moderna enologia isolana.
Zibibbo è il termine che in Sicilia si è dato al Moscato d'Alessandria, chiaramente non quella piemontese bensì quella egiziana così, come la vite proviene dall'arabo, anche la parola deriva  da zabib che significa uvetta possibilmente passita. Infatti zibibbo era sinonimo di vino dolce, di vino ricavato da uve appassite, di vitigno che aveva la sua culla nell'isola di Pantelleria.
 
A poco a poco questo vitigno aromatico, dove i profumi sono essenzialmente primari in quanto propri dell'uva stessa, ha cominciato ad essere diffuso anche nelle campagne specialmente nel trapanese. Ed i vignaioli hanno capito che sarebbe rimasto riduttivo continuare a vinificarlo nelle versioni dolci o addirittura liquorose, ne hanno intuito la capacità di creare vini secchi che potessero stare alla pari, se non addirittura su un gradino più alto dei celebrati altri tre aromatici: Gewuzstraminer, Moscati e Malvasie.
 
Uno di questi è la famiglia Sala, proprietari della Tenuta Gorghi Tondi di Mazara del Vallo, un'azienda vinicola da 130 ha di vigneto di cui 13, a poca distanza dal mare, a zibibbo. Le uve selezionate, le migliori, vanno nel Rajàh un Igp in purezza. Anche il nome scelto proviene dall'arabo dove significa Principe, da attribuire sia al vigneto sia al vino.
La raccolta manuale avviene a metà settembre e l'enologo Tonino Guzzo ne cura il processo di vinificazione che dopo una pressatura gentile fa fermentare il mosto in acciaio a temperatura controllata con l'aggiunta di lieviti. Dopo quattro mesi si imbottiglia e riposa per altri due.

Abbiamo degustato l'annata  2011 il cui colore è giallo paglierino tenue.
Al naso, se un vino da uve aromatiche deve essere ricco di aromi e profumi, il Rajàh ne è ricchissimo. Ancora a calice fermo si avverte un'esplosione di frutta e fiori, figuriamoci dopo la roteazione. Sembra la bottega di un fioraio che vende pure frutta: banana, pesca, cantalupo, cedro, mandarino, glicine, viola, rosa; nasce una bella sfida, provate ad immaginare un profumo, sicuramente ce lo troverete, di tutto di più. Vino assolutamente franco e di immensa intensità.
Al palato, ciò che ha inebriato la respirazione lo trovate tutto intero, continuerete ad essere inondati dal ricco bouquet; poi comincerete ad avvertire un corpo denso, che magari non vi aspettavate, una bella freschezza e quell'acidità che compensa l'eccessiva aromaticità. Il retrogusto è molto lungo e man mano che si attenua il floreale cominciate ad avvertire la mineralità ed il vino diventa quasi sapido.
 
Perfetto da bere freddo, in una calda serata estiva, sdraiati su un'amaca o su una comoda poltrona in vimini. Per abbinarlo, oltre ai classici crostacei e ricci, una mollica di parmigiano invecchiato almeno 36 mesi.
Nei canali Horeca avete a disposizione 12.000 bottiglie da 13° che in enoteca trovate a 13 euro.

Tenuta Gorghi Tondi
Contrada San Nicola
Mazara del Vallo (TP)
tel. 0923 657364
www.gorghitondi.com





Recensioni
di Giovanni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Maurizio Albarello
Trattoria Antica Torre
Barbaresco (Cn)

Stefano Mazzone

Grand Hotel Quisisana

Capri (Na)

2) Tortelli di cipolle al burro di acciughe e pecorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search