Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'editoriale il 24 Novembre2021

di Clara Minissale

 

Se dobbiamo valutare lo stato di salute della ristorazione siciliana con gli occhi degli ispettori della Guida Michelin, il risultato è deludente.

Ed è un verdetto che risulta ancora più mortificante nell’anno in cui quasi tutto il Sud Italia fa un balzo in avanti importante, nell’anno in cui la Guida ha dimostrato grande attenzione per il meridione. La presentazione della Rossa avvenuta martedì sera, fotografa una Sicilia con una sola nuova Stella, il Gagini a Palermo. Una stella che premia l’impegno degli ultimi anni del gruppo Virga-Milano e la cucina di Mauricio Zillo. Ma la new entry compensa la Stella perduta del ristorante La Fenice dell’hotel Villa Carlotta di Ragusa che non ha più lo chef Claudio Ruta. Dunque eravamo e restiamo a quota sedici ristoranti stellati. È da alcuni anni che la Sicilia non fa più registrare quei balzi in avanti che ci avevano inorgoglito qualche anno addietro. Dunque, fatti i dovuti complimenti al Gagini, rimangono alcune riflessioni un po’ amare.

I ristoranti due stelle Michelin, negli ultimi anni si sono dimezzati passando da quattro a due. Ciccio Sultano, chef del ristorante Duomo a Ragusa Ibla, uno dei due bistellati, giusto qualche giorno fa, in una intervista a Cook, l’inserto gastronomico del Corriere della Sera, ha dichiarato che se non arriveranno le tre stelle entro il 2025, lui lascerà l’attività. Un’ affermazione forte, in pieno Sultano style, che però non ha sortito, almeno per quest’anno, il risultato sperato. E ci auguriamo che non abbia indispettito ispettori e vertici della Rossa, chiamati in causa in maniera così diretta. Il gruppo degli chef trentenni, quelli che definivamo la nouvelle vague della cucina siciliana, ormai dovrebbero essere delle certezze, eppure appaiono piuttosto statici, soprattutto se li si paragona ai colleghi del sud – Campania, Calabria, Puglia, Sardegna – che invece hanno fatto mostra di intraprendente vitalità. E le donne poi?! Chef non pervenute, ad eccezione di Martina Caruso.

È vero, l’anno che abbiamo attraversato è stato pesantissimo, ma lo è stato per tutta Italia, nessuno escluso. Dunque, cosa succede nell’Isola delle materie prime eccellenti, nella patria della biodiversità, in uno dei regni della viticoltura?È come se qui si giocasse in un campionato minore. Probabilmente la risposta va cercata nel fatto che sono pochi gli imprenditori che sono davvero disposti a scommettere su questo settore, a fare investimenti con un fine preciso, mettersi in gioco per ottenere la Stella. Non è un caso, infatti, che la maggior parte dei ristoranti stellati in Sicilia appartenga ad hotel o strutture ricettive che aiutano ad ammortizzare meglio i costi. La Michelin premia sì la buona cucina, ma è ovvio anche che questo non è l’unico fattore in gioco.

PER APPROFONDIRE

LEGGI LE NUOVE STELLE MICHELIN 

LEGGI TUTTE LE STELLE MICHELIN REGIONE PER REGIONE 

LA STELLA MICHELIN AL GAGINI DI PALERMO 

L'APPELLO DI SULTANO ALLA MICHELIN 

Commenti   

+2 #2 Mauro 2021-11-25 15:45
Giro molti locali gourmet in Sicilia, e devo dire che mi stupisco nel fatto che siano sempre i soliti a prendere, mantenere o perdere la stella, eccezion fatta per Franco Virga…tanto di chapeau!sono contentissimo per lui e i ragazzi del gagini, ma a Menfi, Sciacca, Marsala, Cefalù…ci sono posti che non hanno la stella ma se la meriterebbero…li mi chiedo:” ma questi qua…cosa realmente valutano per dare la stella???” che non mi dicano le materie prime, perchè sembra una barzelletta!
Citazione
+1 #1 Vincenzo Raneri 2021-11-24 20:19
Purtroppo i nostri carissimi (spesso troppo) chef non hanno capito che la guida premia il dinamismo basato su solide elaborazioni e non soluzione appiccicaticce, quando non banali e ripetute per anni: bisogna farsene una ragione e guardare oltre !
Anche ai bravi giovani che ho incontrato all’ultimo Taormina Gourmet ad esempio !!
Ora metto a punto il mio giro di Calabria (un esempio)
Citazione

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

3) Tortelli di grano arso con germogli di finocchietto in brodo di gallina e camomilla

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search