Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La guida il 24 Novembre2021

di Ambra Cusimano

Eolie Isole Slow è la prima edizione dedicata all’arcipelago siciliano firmata Slow Food Editore che, tramite questo testo, crea un itinerario attraverso cui andare alla scoperta di paesaggi, territori, personalità, storie e prodotti tipici di un angolo della Sicilia che incuriosisce sempre di più.

Eolie Isole Slow non è dunque solo una guida, è piuttosto un viaggio che narra di interconnessioni e relazioni attive tra le stesse isole, che nel loro insieme acquisiscono un valore considerevole. Ai testi hanno contribuito Carlo Bogliotti, Francesca Mastrovito, Eugenio Signoroni, Salvatore Spatafora e Angelo Surrusca. Le fotografie sono state scattate da Marco Varoli in un periodo dell’anno, quello tra marzo ed aprile, in cui le "Sette Sorelle" manifestano un esplosivo rigoglio. Lipari, Salina, Vulcano, Stromboli, Filicudi, Alicudi, Panarea, ogni atollo è stato scandagliato in profondità per portare alla luce lo spirito “vulcanico” che lo caratterizza.

(Nino Caravaglio e Pietro Colosi)

“Questo volume l’abbiamo dedicato ad uno dei territori e mari più belli del nostro paese - racconta Francesca Mastrovito, curatrice del volume - Per noi di Slow Food Editore si tratta di un itinerario completamente personalizzabile grazie all’ausilio delle immagini e delle parole che suggeriranno al lettore un’idea di viaggio, ovviamente tutto in chiave Slow. Anche le mappe incluse non sono delle vere e proprie cartine geografiche, ma sono illustrazioni firmate dall’illustratrice Silvia Gherra che tracciano un percorso da intraprendere quando si è in visita sulle isole di origine vulcanica, o quando si sfoglia la guida a casa e si lascia che il pensiero conduca tra quei luoghi ricchi di storia”. La guida è stata presentata durante una cena con wine tasting in compagnia di due produttori presenti sul suolo eoliano, Nino Caravaglio e Pietro Colosi. La serata si è tenuta presso il ristorante Raricella 1869 a Portella di Mare, frazione del comune di Misilmeri in provincia di Plero ed è stata condotta dal fiduciario Slow Food Palermo Francesco Pensovecchio. In questa occasione entrambi i viticoltori hanno raccontato del territorio dove i loro vini prendono vita e la storia delle loro cantine. In degustazione sei vini di cui quattro bianchi e due rossi. I primi erano declinazioni del noto vitigno autoctono a bacca bianca Malvasia delle Lipari; i secondi erano invece ottenuti da uve di Corinto Nero per Caravaglio e Nerello Mascalese per Cantine Colosi.

(I vini in degustazione)

Parlando di Eolie Isole Slow, Francesco Pensovecchio ha asserito che “uno degli esempi e dei più grandi successi di queste isole e di Slow Food è senza alcun dubbio la storia dell’ape nera sicula, che trova nelle Eolie il suo habitat naturale. Essa infatti è stata individuata in purezza nell’arcipelago perché isolata e non ibridata con altre specie. Ciò ha reso quest’ape particolarmente resistente ed è riuscita a ripopolare zone dell’Europa che avevano visto scomparire l’insetto a causa della sua fragilità. Nel volume troverete racconti su prodotti unici come la Malvasia delle Lipari, i capperi di Salina, che sono presidio Slow Food, e tanto altro. Inoltre bisogna sottolineare che l’arcipelago è stato per molto tempo difficile da raggiungere e ciò lo ha protetto da svariate contaminazioni esterne. Anche se ha da sempre attirato l’attenzione degli investitori, il processo di “conquista” è risultato lento e graduale. E’ un aggregato di isole ancora abbastanza intatto e che costituisce un bacino di biodiversità straordinario. Slow Food ha cercato di sintetizzare tutto ciò anche tramite le interviste a coloro che sul territorio stanno facendo la differenza”.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

3) Tortelli di grano arso con germogli di finocchietto in brodo di gallina e camomilla

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search