Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in La guida il 10 Settembre2020

Lo avevamo anticipato anche noi di Cronache di Gusto.

La presentazione della guida Michelin 2021 ci sarà e si terrà il 25 novembre (leggi questo articolo). C'è la conferma della presentazione della guida stellata. Ultimi dettagli per gli ispettori che stanno completando il "giro" nei ristoranti da premiare (o a cui togliere stelle) che andranno poi a comporre la nuova Rossa. Dalla guida fanno sapere che gli ispettori continueranno il loro lavoro fino a fine ottobre. Poi sarà una corsa contro il tempo per correggere e mandare tutto in stampa. La sensazione è che, in questo anno strano, segnato dalla pandemia da coronavirus, ci saranno pochissime novità. In tutti i sensi. Sia di nuove stelle che di chi perde i riconoscimenti. E la stessa Michelin lo aveva detto, affermando che il filo conduttore delle guide 2021, in Italia ma anche nel mondo, sarebbe stato "una grande flessibilità".

"Valuteremo il cibo buono in qualsiasi forma si presenti", erano state le parole di Gwendal Poullennec , il direttore internazionale, che con questa frase stava aprendo alla possibilità di giudicare anche hamburger, delivery, take away, ogni genere cioè di strategia per la ripresa. Vero è che, nel frattempo, la situazione si è quasi normalizzata come tipo di servizio: ora vedremo dunque che cosa succederà il 25 novembre. Cambio di location, però. Non più Parma, ma Milano (c'era stata un'ipotesi Torino tramontata in questi giorni. I premiati ci saranno, mentre il pubblico sarà collegato da casa. Saranno anche assegnati i premi speciali: quello al "Mentor chef", un cuoco che sia un modello per i colleghi più giovani di un determinato territorio (l’anno scorso vinto dal campano Gennaro Esposito), quello al "Giovane chef dell’anno" e quello al "Servizio di sala". Tra le novità, anzi forse la vera novità, già vista in Francia e nei Paesi nordici nella guida 2020, ma ancora inedita in Italia, sarà quella delle stelle "verdi": i premi, cioè, che andranno ai ristoranti più sostenibili. I criteri precisi della categoria restano da svelare, ma a quanto pare potranno concorrere anche i locali non stellati. "L’attenzione all’ambiente non passa per forza dalla stella", fanno sapere da Michelin.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search