Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'appello
di C.d.G.


Da sinistra Rosolino, Natale e Nino Alessandro

Combattere la crisi con una nuova proposta.

"Che certo non serve a fare chissà quali guadagni, ma a dare una scossa alla nostra azienda ed al mercato del vino in generale". Parole di Nino Alessandro, titolare dell’omonima cantina che si trova a Camporeale, nel palermitano. Che presenterà agli inizi del nuovo anno una riserva di Kaid che, probabilmente sarà chiamata “La riserva di famiglia”. Duemila bottiglie magnum. Tutte numerate. Per clienti scelti. Da prenotare praticamente subito. Anche se sul mercato il vino sarà disponibile solo a gennaio 2013. Alessandro traccia un bilancio del mercato 2012 e fa le previsioni sul mercato nazionale ed internazionale. "La crisi c’è – dice – inutile nasconderla. Però noi abbiamo chiuso i nostri conti con un leggerissimo attivo. Roba del 2-3 % in più. Comunque un bilancio positivo".

Per Alessandro il problema principale riguarda il ritardo dei pagamenti dei clienti.  "Come facciamo a lavorare in queste condizioni?". Secondo Alessandro sarebbe una soluzione istituire una black-list, una sorta di libro nero dove inserire tutti quei clienti morosi. "Unirci, tutti i produttori intendo e creare questa lista di cattivi clienti – spiega Alessandro – Chi è inserito qui non può assolutamente acquistare nulla". Una pratica già dìffusa in tutto il mercato statunitense, dove gli stessi produttori sono obbligati a segnalare i ritardi dei pagamenti pena il pagamento di una penale. "Adesso valuto bene gli ordini che ricevo – dice – e rifiuto, se la cosa non mi convince. Preferisco non vendere piuttosto che inseguire anche per un anno un debitore".

"La crisi esiste, "anche se il termine corretto mi sembra scoraggiamento”. Per Alessandro la gente ha paura di investire. Questo perché le banche pretendono garanzie maggiori di quelle che c’erano un tempo "ed i contributi li puoi avere solo se hai a disposizione un buon gruzzolo, visto che ti danno al massimo il 50 % del tuo investimento". Alessandro, però, si è concentrato sul mercato nazionale. "Una scelta logica in questo momento – dice – anche se stiamo valutando il mercato americano, Brasile in particolare, senza trascurare la Cina e l’India".

Una Sicilia in grado di reggere il confronto con le altre regioni produttrici di vino. "A livello di vini rossi siamo i migliori in Italia – dice – nei bianchi possiamo migliorare". Una critica al Vinitaly, "così non serve a niente, meglio un incontro con soli addetti ai lavori" ed un occhio al potenziamento dell’azienda di famiglia con il miglioramento della linea di imbottigliamento e dei vigneti, l’innovazione tecnologica e la realizzazione di una migliore strada d’accesso. Uno sguardo al passato recente con l’esperienza in politica, dove "paradossalmente è meglio che non sia arrivato, perché fare politica è una cosa in cui non riesco ad identificarmi – dice –. Ho visto troppe cose strane, meglio fare l’imprenditore", ed un sogno del cassetto. Che non ha nulla di materiale. "Vorrei maggiore collaborazione con le istituzioni – rivela Alessandro –. Maggiore tutela per chi vende e poi non viene pagato". Un sorso di vino e poi di nuovo al lavoro.

Azienda vitivinicola Alessandro di Camporeale
Contrada Mandranova 
90043 Camporeale (PA)
Tel. 0924 37038
www.alessandrodicamporeale.com/it/

Giorgio Vaiana


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

GLI APPUNTAMENTI

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gabriele Boffa

Locanda del Sant'Uffizio Enrico Bartolini

Cioccaro di Penango (At)

1) Asparago, seirass e tuorlo al curry

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search