Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Contributors

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano

Roberto Chifari

Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco

Annalucia Galeone
Federica Genovese

Clarissa Iraci

Francesca Landolina

Federico Latteri
Irene Marcianò

Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi

Clara Minissale

Fiammetta Parodi

Geraldine Pedrotti

Stefania Petrotta

Michele Pizzillo

Fabiola Pulieri
Enzo Raneri

Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita

Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione
eventi
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in L'olio della settimana il 08 Dicembre 2012
di Redazione

Nocellara del Belice e Cerasuola. Nell'anno 2000 un colosso del settore vitivinicolo come la Cantina Sociale Mezzacorona nel Trentino acquistò 700 ettari di vigneti in territorio di Sambuca di Sicilia (Ag) ed Acate (Rg) cui diede il nome di Feudo Arancio, ispirandosi al limitrofo e omonimo lago.

Direte, e che c'entra con l'olio? C'entra perchè i dirigenti trentini individuarono nei pressi dei loro vigneti agrigentini 14 ettari ove insistevano olivi di circa 40 anni e molti addirittura secolari, in quota collinare a circa 370 metri. Decisero di acquistarli e di integrarli con nuove piantagioni, e siccome erano abituati al fresco e alle piogge delle Alpi, si preoccuparono del caldo arido isolano e realizzarono un impianto di subirrigazione che all'occorrenza spegnesse un po' la sete delle assolate piante.
In compenso gli alberi oggi non subiscono alcun trattamento né chimico né fitofarmacologico e nemmeno concimazione, vista l'ottima struttura dei terreni. Le olive sono ancora degli uliveti preesistenti in quanto quelli nuovi stanno andando in produzione solo ora, sono raccolte ancora abbastanza verdi per essere portate in molitura nella stessa giornata. L'azienda non ha un proprio frantoio e si serve di quello dell'Oleificio Asaro in Partanna, in cui personalmente il titolare Tommaso segue con metodologia di controllo tutto il processo fino all'imbottigliamento. Oggi l'amministratore delegato di feudo Arancio è Fabio Rizzoli e il responsabile agronomico Salvatore Cacciatore.

Non conosciamo l'esatta percentuale delle due varietà che costituiscono l'unico extravergine di Feudo Arancio che oggi assaggiamo. Ricordiamo che la Nocellaria del Belice è diffusa nell'agrigentino e nel trapanese. E' una delle cultivar più tipiche e  più coltivate in Sicilia ed ha un fruttato d'oliva tra i più intensi; ha drupa grossa, quasi sferica, usata anche da mensa e l'olio ha un profilo sensoriale amaro e piccante con assenza del dolce. La Cerasuola si trova specialmente in provincia di Palermo, nel Trapanese e nella zona di Menfi. Drupa media, ellittica, leggermente asimmetrica, dà alte rese ed è molto ricca di acido oleico e di polifenoli; l'olio è meno dolce e più amaro con sentori e fruttato più intensi e persistenti.
 
Assaggiandolo spicca all'olfatto il sentore fragrante dell'oliva verde, si avvertono poi il carciofo e note vegetali in un bouquet intenso ed equilibrato. Al gusto è un crescendo, arriva con un intenso sapore di carciofo crudo, un amaro in giusta misura e un piccante non intenso ma lunghissimo, che permane in bocca per tanto tempo. Le 20.000 bottiglie da ¾ sono commercializzate specialmente nei ristoranti, nei mercati esteri e negli shop aziendali, particolarmente in quello del Trentino, dove hanno fatto apprezzare l'olio siciliano. In vendita anche online a € 10,80 nel sito shop.mezzacorona.it.
 
Olio universale tranne per coloro che preferiscano gli oli che non sanno di niente, l'abbiamo apprezzato con una zuppa di pasta e lenticchie e con un ragout di tritato di manzo.

Feudo Arancio
C.da Portella Misilbesi
Sambuca di Sicilia (Ag)
tel. 0925 579000
www. feudoarancio.it




Recensioni
di Giovanni Paternò

Rubrica a cura di  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Felice Sgarra

Casa Sgarra

Trani (Bt)

3) Melanzana con burrata d’andria e gelato al pomodoro

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search