Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 18 Dicembre2013

Oramai è moda e nessuno vuole perdersi un assaggio dello streetfood.

Diventato un vero e proprio "must", un modo per comprendere la storia dei luoghi che si visitano o per celebrare la tradizione. Anche Eataly, nell'ultimo store aperto a Firenze, ha dedicato al cibo di strada una vetrina. Ma dall'Istituto Superiore della Sanità giunge l'allerta: "Il cibo da strada non è innocuo, sia dal punto di vista microbiologico, ovvero può causare patologie gastrointestinali, che tossicologico, con effetti a lungo termine". Vi sarebbeo diversi fattori di rischio sottovalutati. Questi sono stati individuati dai ricercatori del Dipartimento di Sanità e pubblicati  in uno studio apparso su Food and chemical toxicology.

Si parte dal  punto vendita. Banchetti e furgoni dovrebbero essere localizzati in un luogo pulito e il cibo esposto tenuto coperto, "spesso, infatti, questi stand itineranti sono ubicati nei punti di maggior traffico e quindi sono facile bersaglio dell'inquinamento atmosferico. Senza considerare poi che in tutta l'area intorno al banchetto non c'è spesso disponibilità di acqua pulita, di strutture di smaltimento dei rifiuti, né di servizi igienici", spiega Chiara Frazzoli, dell'Iss, co-autrice della ricerca.

La qualità degli ingredienti non è sempre la migliore e certificata. Può capitare che "il pesce venga catturato in acque contaminate, le carni possono essere spesso di animali malati e sottoposti a trattamenti antibiotici o antiparassitari, oppure potrebbero presentare contaminazioni provenienti dall'uso improprio di disinfettanti per tentare di ovviare a cattive condizioni igieniche". O ancora, l'aspetto di alcuni cibi sarebbe migliorato con l'uso di coloranti.  Anche le condizioni di conservazione sono spesso carenti, con contenitori che rilasciano sostanze tossiche o umidità e temperature tali da favorire lo sviluppo di micotossine. E altrattanti rischi per la salute deriverebbero proprio dai metodi di cottura.

Francesca Landolina

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search