Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 01 Febbraio 2020
di C.d.G.


(Carla Costa e Roberto Pellegrini)

Alle ore 10 di domenica 2 febbraio apre i battenti, a Riva del Garda, la 44^ edizione di “Hospitality, il salone dell’accoglienza" che è la fiera italiana leader nel settore dell’ospitalità e della ristorazione.

Con l’edizione 2020, hanno evidenziato durante la presentazione avvenuta a Milano, Roberto Pellegrini, presidente di Riva del Garda Fieracongressi e Carla Costa, responsabile area fiera dello stesso ente, si presenta con un’immagine più contemporanea ed internazionale. Tant’è che l’evoluzione di Expo Riva Hotel, diventa Hospitality e, quindi, completamente rinnovata rispetto alle precedenti edizioni, con una maggiore partecipazione dei produttori e più spazio per l’area food, nuove tipologie di prodotto e focus sulla formazione con gli eventi dell’Academy. Debutta, infatti, il progetto “Cucina in Emergenza”, realizzato dalla Federazione italiana cuochi. Resta, comunque, “una delle nostre manifestazioni di punta e rappresenta perfettamente la nostra naturale vocazione per il turismo e l’accoglienza. Nei prossimi anni, grazie agli importanti investimenti già pianificati, potremo offrire non solo spazi più ampi che ci permetteranno di accogliere ancora più espositori e visitatori, ma anche servizi di qualità sempre più elevata e un quartiere all’avanguardia, sia dal punto di vista tecnologico che delle infrastrutture”, ha commentato il presidente Pellegrino.

Mentre Carla Costa ha ricordato come negli anni la fiera è cresciuta ed evoluta, grazie alla capacità di adattarsi ai cambiamenti del mercato e alle esigenze degli espositori. Sottolineando: “Dopo 43 edizioni era giunto il momento di avere un nuovo nome e una nuova identità visiva che meglio connotassero la fiera come punto di riferimento per il mondo Ho.Re.Ca. e come hub internazionale di business e di aggiornamento per i professionisti del settore”. Lo dicono i numeri, oltretutto. Nei 9 padiglioni della fiera e su una superficie di 42mila metri quadrati, ci saranno 561 aziende, con una importante presenza di espositori provenienti dalle regioni settentrionali: Veneto, Lombardia, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia. Hospitality 2020 è un evento ricco di contenuti, un percorso espositivo unico e completo dalle materie prime, alle attrezzature per l’hotellerie e la ristorazione, fino all’impiantistica per la produzione della birra. Tra le novità dell’edizione che apre i battenti domenica 2 – la conclusione è mercoledì 5 febbraio - l’ampliamento del padiglione dedicato al food - 1.500 metri quadri in più rispetto allo scorso anno – che ospita anche nuove tipologie di prodotti, come il pesce surgelato e le carni rosse, e più spazio per la gelateria e la pasticceria, a seguito del crescente interesse da parte dei produttori diretti di materie prime. Senza trascurare i percorsi dedicati alle nuove abitudini alimentari, come gluten free, vegan, halal e kosher.

Punto di riferimento per conoscere e approfondire le novità del settore, è Hospitality Academy che – è stato evidenziato durante la presentazione - offre formazione itinerante durante tutto l’anno. Nei quattro giorni di manifestazione, visitatori e professionisti avranno inoltre l’opportunità di partecipare a più di 100 appuntamenti tra seminari, tavole rotonde e workshop di approfondimento sui trend, le strategie e le novità del mondo Horeca. Confermate anche per l’edizione 2020 del Salone le due aree speciali del settore beverage, Solobirra e Rpm – Riva Pianeta Mixology. Accanto all’esposizione di birre artigianali, Solobirra lancia due concorsi: un contest tecnico – Solobirra 2020 – e un altro grafico – Best Label – dedicato alle etichette. Riva Pianeta Mixology offre al pubblico l’esperienza dei mixologist più talentuosi e masterclass per i bartender.

Michele Pizzillo

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

1) Raviolo di cavolfiore, vaniglia e capasanta

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search