Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 24 Aprile2013

E’ di pochi giorni fa la notizia che una un’impresa su tre del settore produttivo nazionale che ha chiuso i battenti negli ultimi mesi è del comparto agricolo.

Un trend preoccupante se si pensa che quello agroalimentare è l'unico settore che sta trainando in questi tempi difficili l'economia del Paese. In fondo, è quello anche che dà qualche speranza/alternativa ai giovani, come dimostrato dall' aumento delle iscrizioni agli istituti agrari. Uno stato di fermento poi, diciamo noi purtroppo, controbilanciato in negativo dai conti  che gli imprenditori agricoli devono fare con la crisi, soprattutto in casa. C’è una regione che però, in controtendenza rispetto alle dinamiche dell'ultimo periodo, cresce in fatturato toccando il più 6%, e in occupazione, questa del aumentata del 20%. L’agroalimentare in Abruzzo viaggia, non a doppia velocità, ma sicuramente è in corsa. L'andamento è positivo per le medio grandi imprese però. I piccoli e gli artigiani soffrono e chiudono con un saldo in negativo del 21%.
 
Il settore si compone di 2.300 aziende, la maggiore concentrazione è nella provincia di Chieti, che ne conta poco più di 700, di Pescara e l’Aquila. Il fatturato raggiunto che svela un sistema in salute, appunto nonostante i tempi, tocca i 2 miliardi e mezzo di euro. Una grossa fetta è assicurata dall’export che vale 500 milioni per la regione. Ma, in controtendenza rispetto alle altre, l’Abruzzo starebbe ottenendo più risultati in casa. L’exploit delle esportazioni sta diminuendo, anche se in modo lieve, in quest’ultimo periodo. Il quadro lo dà il rapporto ''2013 Congiuntura agroalimentare abruzzese'' del Polo Agire. I prodotti di punta del settore sono vino e pasta, il cui appeal sta vivendo un momento di favore presso i consumatori italiani e del resto del mondo. Nel carrello della spesa finiscono sempre di più prodotti made in Abruzzo. All’estero è la Germania, il dato è relativo al 2012, che sceglie di mettere a tavola pasta, pane e altri alimenti abruzzesi. L’importazione è aumentata del 19,7%. E sono apprezzati anche in Usa e in Francia.

In generale le strategie messe in campo dalle aziende abruzzesi stanno ripagando, anche se diverse relativamente alla dimensione. Perché quelle con meno di 10 dipendenti hanno deciso di investire e di concentrarsi sullo sviluppo dei mercati e sull’internazionalizzazione, mentre per le micro imprese è stata più rilevante l’organizzazione commerciale. Ma tutte hanno puntato sul miglioramento qualitativo dei prodotti. Rimane la difficoltà, vissuta comunque dalle aziende della Penisola, dell’accesso alle risorse finanziare e i costi troppo elevati, tra questi vi sono gli oneri pesanti della burocrazia, che non consentono ancora ad oggi a molte di loro di  potere scommettere sull’innovazione. 

Maria Giambruno

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Patrizia Girardi

Amastuola Wine Resort

Crispiano (Ta)

4) Anche l'occhio vuole la sua parte

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search