Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 14 Agosto2020

di Michele Pizzillo

Un matrimonio fra due corregionali la partnership tra Rossopomodoro e Ferrarelle.

Sono due brand campani – nati tra Napoli e Riardo in provincia di Caserta - che della propria origine ne hanno fatto sempre motivo di orgoglio. E che adesso s’incontrano per esaltare ulteriormente la loro napoletanità con un accordo commerciale che prevede la vendita in esclusiva merceologica delle acque Ferrarelle (Ferrarelle e Ferrarelle Maxima, Natìa acqua oligominerale di origine vulcanica) all’interno dei ristoranti e delle pizzerie della catena Rossopomodoro, oltre 100 presenti nelle più importanti città italiane e nei luoghi di villeggiatura più suggestivi e sempre con location molto strategiche per fare conoscere meglio l’autentica pizza napoletana. Con questa partnership, i due storici marchi napoletani, da sempre espressione dell’eccellenza Made in Italy nel mondo, diventano una sorta di guida dell’imprenditorialità italiana che riparte. E, d’altronde, la storia di Ferrarelle è proprio un susseguirsi di eventi che hanno dimostrato come l’imprenditorialità italiana sa riportare a casa quanto gli appartiene. Fondata nel 1893 a Riardo, in provincia di Caserta, nel 1925 fu acquistata dalla famiglia Violati. Sessant’anni dopo passò sotto il controllo di Danone e Ifil. Nel 1991 Ifil vendette le sue quote a Danone che acquisì Ferrarelle tramite una società chiamata Italaquae SpA. Nel gennaio del 2005 il ritorno in mani napoletane, cioè a Lgr Holding SpA, fondata da Carlo Pontecorvo, un medico che ha lavorato nell'ospedale universitario di Napoli prima di dedicarsi all'attività imprenditoriale, che acquistò la società Italaquae dal Gruppo Danone, diventando proprietaria delle acque minerali Ferrarelle, Santagata, Natia e Boario e il 18 gennaio 2012, sempre dal Gruppo Danone, acquisì anche il marchio Vitasnella e diventando il quarto gruppo italiano nel settore delle acque minerali e, oltretutto, in espansione anche all’estero tra Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Spagna, Germania, Danimarca, Russia, Israele, Giappone, Hong Kong, Taiwan. Da agosto 2018 il gruppo è pure proprietario di un’altra eccellenza italiana, Amedei, che produce cioccolato d’alta gamma.

Adesso, con l’accordo con Rossopomodoro “Ferrarelle conferma il suo legame con la migliore tradizione gastronomica italiana e la comunanza di valori con uno dei suoi piatti simbolo, la pizza, che Rossopomodoro ha saputo portare in tutto il mondo, sotto l’insegna dell’eccellenza e dell’inimitabilità. Valori da sempre cari a Ferrarelle”, dice Andrea Marino, direttore commerciale dell’azienda di proprietà della famiglia Pontecorvo. E, aggiunge Roberto Colombo, amministratore delegato della catena napoletana di pizzerie “noi di Rossopomodoro abbiamo costruito una forte credibilità nella nostra clientela seguendo una regola molto semplice ma rigorosa: scegliere i partner e fornitori secondo i requisiti necessari della qualità, della storia e dell'affidabilità. Lo abbiamo fatto per ogni singolo prodotto che arriva a tavola direttamente oppure lavorato dai nostri chef e pizzaiuoli. Così anche per l'acqua, bene essenziale, che oggi affidiamo all'eccellenza di un marchio conterraneo, Ferrarelle, il cui nome basta a dire tutto. Una nuova partnership giocata in casa, che unisce la nostra storia a quella dell'acqua più amata dagli italiani, ricavata dalle storiche fonti di Riardo”. E, infatti, le acque che saranno disponibili nei locali Rossopomodoro, hanno tutte origine nel circuito geologico del vulcano di Roccamonfina, che si trova a 60 chilometri a Nord di Napoli, con lo stabilimento che sorge nella proprietà dell'antica Abbazia di Santa Maria della Ferraria, che ha ispirato il nome dell’azienda.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Carmine di Donna

www.carminedidonna.it

3) Bignè con croccante e crema pasticcera

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search