Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 08 Giugno 2011
di Redazione

Entro tre anni, il Brasile deve diventare il maggior produttore mondiale di alimenti, ma gli  alti costi di produzione e il real sopravvalutato fanno salire i prezzi internazionali.

Lo afferma uno studio della Fao, che allerta il governo di  Brasilia sul suo ruolo a livello globale. Secondo gli esperti  dell'Organizzazione del cibo e dell'agricoltura delle Nazioni  Unite, le infrastrutture fatiscenti e le norme burocratiche  complesse frenano le esportazioni brasiliane e aumentano il prezzo dei prodotti brasiliani, già cari a causa del cambio altissimo del real rispetto al dollaro.   
Il Brasile, secondo la Fao, diventerà quest'anno il maggior  esportatore mondiale di pollo, con oltre 4 milioni di  tonnellate, pari a un terzo del commercio mondiale di pollo. Il  gigante sudamericano è già al primo posto nella produzione  mondiale di zucchero, caffè e succo d'arancia, e al secondo  posto nel riso, nel mais, nella soia e nella carne bovina. Inquesti tre ultimi, potrebbe superare gli Stati Uniti nel giro di tre-quattro anni, e nella carne è già il primo esportatore  mondiale.   
Proprio la carne è oggi il principale termometro dell'evoluzione dei prezzi delle commodities alimentari sul mercato internazionale, sostiene lo studio. La Fao teme che i prezzi continuino a salire nonostante i nuovi record di  produzione ogni anno, perchè anche la domanda continua a salire senza sosta, e bacchetta il Brasile, che contribuisce in maniera determinante al rincaro globale dei prodotti alimentari considerati essenziali per l'alimentazione nel mondo. 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

2) Ravioli di Genovese di Polpo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search