Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 19 Maggio2020

"L'atto della Regione Sicilia è legittimo, ma i vini Dop e Igp ottenuti lì non potranno avere in etichetta l'indicazione del nome del vitigno Primitivo".

Lo ha assicurato il direttore del dipartimento Agricoltura della Regione Puglia, Gianluca Nardone, ascoltato in IV commissione consiliare sulla tutela del Primitivo pugliese. Alle audizioni, chieste dopo che la Regione siciliana ha autorizzato la produzione del Primitivo, hanno partecipato anche il dirigente della sezione Competitività delle filiere agroalimentari, Luigi Trotta e i rappresentanti del comparto vitivinicolo pugliese Francesco Liantonio, presidente del Consorzio di tutela dei vini doc di Castel del Monte; Mauro di Maggio, presidente del Consorzio del Primitivo di Manduria e Massimo Tripaldi di Assoenologi Puglia.

I produttori pugliesi hanno manifestato oggi le loro preoccupazioni, ma Nardone ha rassicurato: "Il decreto ministeriale del 13 agosto 2012 in materia di etichettatura di Dop e Igp consente l'uso solo in 7 regioni italiane: Puglia, Basilicata, Campania, Abruzzo, Umbria, Lazio e Sardegna", ha ricordato. "Chiediamo che non vengano commessi gli errori del passato - sottolinea Liantonio - e che si lavori insieme per rafforzare l'immagine della Puglia. La prossima occasione è rappresentata dal decreto Etichettatura, in merito al quale bisogna essere incisivi e predisporre un sistema di tutele che riguardi tutte le 27 denominazioni pugliesi, magari attraverso la creazione di ambiti territoriali".

C.d.G.

PER APPROFONDIRE

IL PRIMITIVO SI PUO' COLTIVARE ANCHE IN SICILIA

LA PUGLIA SI COMPATTA ATTORNO AL "SUO" VITIGNO

L'ASSESSORE SICILIANO: "ABBIAMO AGITO NEL RISPETTO DELLE REGOLE"

IL MINISTRO BELLANOVA: "MAI LA PAROLA PRIMITIVO SULLE ETICHETTE DEI VINI SICILIANI"

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giorgio Cicero

Ristorante Mùrika

Modica (Rg)

4) Cannolo siciliano, gelato al pistacchio e marmellata al peperoncino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search