Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 07 Ottobre 2020
di Giorgio Vaiana
Filippo Mobrici

In un anno minacciato dall’emergenza sanitaria globale,

tengono i numeri sull’imbottigliato complessivo delle denominazioni del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato (che tutela 13 denominazioni, 4 Docg – Barbera d’Asti, Nizza, Ruchè di Castagnole Monferrato e Terre Alfieri – e 9 Doc – Albugnano, Cortese dell’Alto Monferrato, Dolcetto d’Asti, Freisa d’Asti, Grignolino d’Asti, Loazzolo, Malvasia di Castelnuovo Don Bosco, Monferrato e Piemonte), registrando alla fine di agosto un + 1,22% rispetto al 2019. Un dato che fotografa un comparto solido e ben piazzato sul mercato, che ha retto all’urto di questi mesi e che mantiene uno sguardo puntato al futuro. Un futuro che si declina anche, per esempio, nell’apertura al pubblico femminile, che dimostra un interesse sempre maggiore verso la Barbera d’Asti. Lo dimostrano alcune interessanti indagini di mercato, che evidenziano come la regina dei vini piemontesi stia conquistando il favore delle donne grazie all’insieme di profumi e armonie di grande carattere e grande bellezza che sa esprimere. Ma nel cielo di quelle denominazioni che compongono il firmamento del Consorzio, c’è anche una nuova stella che brilla: è il Marengo, la versione spumante del Piemonte Cortese. Un vino che reca nel nome quello benaugurale di una vittoria: quando nel 1800 Napoleone conseguì in queste zone il successo di una battaglia che gli aprì le porte d’Europa.

Resta comunque la Barbera d’Asti Docg a rappresentare il prodotto di massima espressione identitaria del Monferrato, con una quota export attestata intorno al 50% della produzione. Di facile approccio se bevuta da giovane e complessa se lasciata affinare come nel caso della versione Superiore, il valore aggiunto è dato certamente dalla sua estrema versatilità, elemento che scuote l’interesse di fasce di consumo sempre più ampie. E poi, coltivata in 167 comuni dei quali 116 in provincia di Asti e 51 in provincia di Alessandria, la Barbera d’Asti Docg occupa un territorio abbastanza vasto da restituire al vino un ventaglio di espressioni e colori meravigliosamente diversificato.
Emergono in questo scenario anche nicchie enologiche di grande rilievo, accomunate da un trend in crescita sia per quanto riguarda i numeri sia l’affermazione della loro identità. Per esempio l’Albugnano, il Nebbiolo coltivato nelle aree limitrofe alla provincia di Torino, con un imbottigliato in crescita al 31 di agosto; oppure il Cortese dell’Alto Monferrato, anche in questo caso con segno positivo alla stessa data.

Etichette e storie presentate nel mese di settembre alla manifestazione astigiana del vino Douja d’Or, la prima a essere organizzata in presenza dopo le restrizioni. I numeri della Douja del Monferrato, titolo della rassegna del Consorzio nell’ambito dell’evento, confermano un apprezzamento di pubblico trasversale. Palazzo Alfieri di Asti, dove il Consorzio ha allestito le proprie postazioni di assaggio, ha fatto il pieno di visitatori e degustatori attratti dal Monferrato e dalle sue bottiglie, nonostante le limitazioni dovute a contingentazioni e misure di sicurezza. E in questi primi giorni di autunno, nel segno dell’attenzione che il Consorzio rivolge alla promozione del proprio comparto di riferimento, arrivano anche giornalisti e comunicatori di prima importanza, invitati a scoprire vini e storie di queste terre Patrimonio dell’Umanità. "Con 13 denominazioni tutelate, oltre 65 milioni di bottiglie e più di 11 mila ettari vitati, il Consorzio rappresenta interamente un territorio variegato come il Monferrato che, in particolare negli ultimi anni, sta diventando un traino decisivo del comprensorio Unesco – dichiara Filippo Mobrici, Presidente Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato – Anche in questo anno segnato dalla crisi sanitaria globale, il nostro comparto di riferimento ha dimostrato di reggere nei numeri e nell’immagine, segno di un consolidamento sempre più forte in Italia e nel mondo. Siamo stati tra i primi a investire sui vitigni autoctoni, penso per esempio alla nostra adesione progetto “Indigena” mirato appunto a questo tipo di valorizzazione, idea che abbiamo condiviso in netto anticipo sui tempi. Il Monferrato è un territorio di bellezza e opportunità, dove giovani imprenditori e grandi aziende hanno cominciato a investire risorse sempre più importanti che dal vino portano a importanti ricadute economiche nei settori immobiliari, enoturistici e della ristorazione".

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

2) Genovese di tonno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search