Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 12 Febbraio2021
ph Vincenzo Ganci

La Commissione Europea ha deciso di prorogare al 30 aprile 2021 l'applicazione provvisoria dell'Accordo sugli scambi e la cooperazione siglato il 24 dicembre 2020 per regolare i rapporti fra Europa e Regno Unito e la cui applicazione, in attesa della ratifica, era prevista fino al 28 febbraio 2021.

Si tratta di un’estensione tecnica per concedere il tempo necessario al completamento della revisione giuridico-linguistica dell'accordo e per permetterne l’esame a Parlamento e Consiglio in funzione della ratifica. È stata questa una delle novità discusse e approfondite dall’Alleanza Cooperative Agroalimentari che ha organizzato un momento di confronto con tutte le cantine associate, al fine di chiarire il contesto normativo e regolamentare ed i principali spazi di discussione che interessano i nuovi rapporti e gli scambi commerciali con il Regno Unito. "Auspichiamo che anche dopo la fase transitoria e la progressiva applicazione di regole più stringenti – commenta Luca Rigotti, Coordinatore del settore vitivinicolo di Alleanza delle Cooperative – sia comunque garantita una adeguata flessibilità delle operazioni doganali e che la parola d’ordine resti quella della semplificazione, necessaria per consentire una fluida gestione dei transiti in dogana, pur in presenza di maggiori controlli".

Nell’accordo si legge, in particolare per quanto riguarda il vino, la volontà di mantenere un’apertura rispetto alla dinamicità degli scambi commerciali, anche considerando che gli inglesi importano il 98% del vino che bevono. D’altra parte, i dati Ismea confermano che il Regno Unito rappresenta il terzo mercato di destinazione del vino Made in Italy: soltanto nel 2019 gli inglesi hanno bevuto 2,8 milioni di ettolitri di vino italiano, per un valore di circa 763 milioni di euro. Un mercato quindi assolutamente strategico che, nonostante l’impatto dell’emergenza sanitaria – che ha causato un calo delle vendite pari a -3,20% nel periodo gennaio-ottobre 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente – è tra i primi partner commerciali del comparto vitivinicolo italiano.

L’incontro organizzato dall’Alleanza, dal titolo “Brexit – Dogane e Scambi commerciali – Nuovi adempimenti per i vini Made in Italy”, ha visto la partecipazione di Gabriella Migliore, Direttrice dell’Help Desk Brexit dell’Agenzia ICE e di Paola Paliano e Gualtiero Cultrera dell’Agenzia delle Dogane, che hanno illustrato le novità previste dall’accordo, specie in merito all’allegato relativo agli scambi commerciali dei vini, nonché gli adempimenti utili per esportare nel Regno Unito, fornendo indicazioni rispetto all’applicazione della normativa doganale e fiscale applicata ai prodotti vitivinicoli destinati al mercato britannico. Un aspetto di particolare rilievo che è stato discusso è quello relativo alle Indicazioni geografiche dei vini: quelle registrate nell’UE alla data del 31 dicembre 2020 continuano ad essere protette nel Regno Unito senza riesame mentre per le altre sarà necessario presentare una nuova domanda in base alla nuova procedura nazionale.

C.d.G.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Caterina Ceraudo

Ristorante Dattilo

Crotone

4) Olio e vino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search