Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari
Un grappolo di Nero d'Avola... in Sicilia

Il Nero d’Avola australiano vale quasi il doppio del Nero d’Avola prodotto in Sicilia. Almeno a giudicare dalle valutazioni del monopolio svedese. E il caso suona quasi come un doppio smacco al vino siciliano.

Come è noto, in Svezia - ed in tutti i Paesi del Nord Europa - il vino viene venduto attraverso il Systembolaget, un monopolio che fissa regole di acquisto e soprattutto decide cosa acquistare e a quali fasce di prezzo. Lo fa attraverso delle gare vere e proprie per i produttori lanciando bandi chiamati tecnicamente tender. Ed è di pochi giorni fa il lancio di un tender in cui gli svedesi cercano Nero d’Avola prodotto in Australia disposti a pagarlo tra i 3,30 e i 5,20 euro a bottiglia. Praticamente il doppio o quasi rispetto a una partita di Nero d’Avola Igt Terre Siciliane che il monopolio svedese, attraverso un altro tender uscito qualche giorno dopo, è disposto ad acquistare a un prezzo che varia tra 1,90 e 2,80 euro. In questo caso il prezzo è relativo a brick da 75 centilitri e per giunta biologico, annata 2019 o anche il 2020. In tutto 80 mila litri.

Nella sostanza il valore che gli viene riconosciuto è quasi la metà di quello prodotto in Australia. E le cose forse non sarebbero cambiate di molto se il vino siciliano fosse stato chiesto in bottiglia. Aggiungeteci la questione Nero d’Avola che per quanto strettamente legato al terroir siciliano ora fa capolino anche dall’altra parte del mondo. Con risultati invidiabili a giudicare dal posizionamento commerciale nel Nord Europa. E che in Australia si coltivi Nero d’Avola non puoi farci nulla. Anzi, forse la dimensione internazionale potrebbe portare bene al vitigno-principe dell’Isola, chissà. Resta il tema del valore del vino siciliano che è ancora la grande questione irrisolta. Ad oltre trent’anni dal cosiddetto rinascimento enologico resta molto da fare. Per quanto siano stati raggiunti traguardi impensabili. Vedremo anche chi si aggiudicherà il tender. Ed il dibattito è aperto: come può fare la Sicilia a dare valore al vino che produce?

C.d.G.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Michele Rizzo

Agorà ristorante di pesce

Rende (Cs)

3) Scampi dello Jonio, foie gras e castagne silane

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search