Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 04 Dicembre2013

Si spacciava per eminente avvocato prendendosi gioco di produttori di Champagne.

A Parigi scoperta una truffa dal valore di 48.600 euro. La Corte di Crétel ha condannato a 18 mesi di carcere un ragioniere in pensione di 68 anni. Aveva messo in piedi un raggiro che ha coinvolto 23 maison e vigneron ignari della reale identità del facoltoso cliente, le quali si sono costituite parte civile al processo. Faceva ordini di prestigiose bottiglie facendosele consegnare ad un indirizzo e dando dati fittizzi per la fatturazione corrispondenti ad uno studio inesistente di avvocati sugli Champs-Élysées. Al momento in cui i produttori cercavano di contattare il committente per inviare la fattura per il pagamento questi ricevevano l'annuncio di morte, ed alcuni dispiaciuti del lutto mandavano addirittura lettere di condoglianze rivolte a familiari inesistenti del cliente. Il truffatore affetto da turbe psichiche, interrogato dal giudice non ha mostrato reale coscienza del reato commesso. Condizione che gli ha reso uno sconto di 10 mesi sulla pena. Questo però non è il solo reato commesso, il pensionato più volte in passato era stato condannato per truffe messe a segno nel settore immobiliare. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Paolo Barrale

Aria Restaurant

Napoli

4) Vino e percoche

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search