Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 22 Novembre 2019
di Fabrizio Carrera

“Chiediamo al sistema bancario di aiutare gli agricoltori produttori di uva da tavola con il rinvio delle cambiali agrarie e, in generale, di tutte le scadenze bancarie di mutui e prestiti contratti dagli agricoltori con le banche”. 

Lo scrive in una lettera inviata all’Abi (Associazione bancaria italiana) Rosa Giovanna Castagna, presidente regionale della Cia Sicilia intervenendo sulla complessa campagna dell’uva da tavola per larga parte compromessa. Pur essendo presenti due Igp con i rispettivi Consorzi di Tutela (Igp Uva Italia di Canicatti e Igp Uva da tavola di Mazzarrone) da due anni gli agricoltori produttori di Uva da tavola non riescono a “fare reddito”. “I produttori ricevono una remunerazione molto bassa – evidenzia Castagna - che si attesta intorno ai 40 centesimi al chilo per le varietà tradizionali. Solo le varietà apireni spuntano un prezzo più alto. In Italia i canali di sbocco sono rappresentati dalla Gdo (Grande distribuzione organizzata) che spunta prezzi elevati a causa di troppe speculazioni lungo la filiera. Il mercato estero è in forte flessione. Lo scorso anno a causa del "cracking" ovvero dello spacco dell’acino, vi è stato un forte deprezzamento del prodotto che ha generato minor prezzo di vendita, quest’anno vi è una grave crisi di mercato, accompagnata a deprezzamento commerciale del prodotto causa eventi metereologici. Le quantità vendute sono poche e spesso a prezzi che non coprono neanche i costi di produzione”.

Nell’aula consiliare del comune di Mazzarrone, in provincia di Catania, uno dei comuni che risente maggiormente di questa crisi, si è tenuta recentemente una affollata assemblea voluta dalla Cia-Agricoltori Italiani, a cui erano presenti oltre i dirigenti Cia, circa 200 agricoltori, amministratori locali, sindaci e rappresentanti dei Consorzi di tutela, a seguire vi è stato un incontro con l’assessore Bandiera che si è reso disponibile a sostenere il comparto, condividendo le richieste formulate da Cia Sicilia affinché questo comparto possa essere messo nelle migliori condizioni di uscire definitivamente dalla crisi.

C.d.G.

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

2) Miskiglio lucano con ragù di salsicce, crema di cicoria, mollica e peperone crusco

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search