Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 12 Novembre2021

Il nuovo regolamento comunitario dei Piani Strategici prevede un aiuto finanziario a sostegno dei Piani operativi delle organizzazioni dei produttori (Op) o le associazioni di organizzazioni dei produttori (Aop) pari al 30 % del valore della loro produzione commercializzata per il biennio 2023 e 2024 (che scenderà al 15 % nel 2025 e 2026 e al 10 % dal 2027).

Si tratta di una impostazione che si scontra con l’attuale realtà che vede il ruolo commerciale delle Op dell’olio assai debole, specie in Puglia dove la diffusione della Xylella rende de facto impossibile una commercializzazione in mancanza di prodotto esistente. Lo ha sottolineato l’Alleanza Cooperative Agroalimentari nel corso dell’incontro sul tavolo Xylella convocato dal Ministro. “Al fine di evitare che il cambio di impostazione dell’Ocm possa avere effetti devastanti per le Op che operano nelle zone colpite dalla Xylella fastidiosa, che non possono più garantire di fatto la commercializzazione, chiediamo che le Op che operano in tali aree possano usufruire per il prossimo quinquennio di un regime di deroga che consenta loro di ricevere i fondi della Ocm olio e di spenderli in attività specifiche, necessarie per la ripresa territoriale”. Il finanziamento in deroga potrebbe riguardare la ricerca e lo sviluppo in materia di metodi di produzione sostenibili, pratiche innovative e tecniche di produzione che diano impulso alla competitività delle aziende, attività di promozione.

Tra le proposte presentate da Alleanza Cooperative Agroalimentari al Tavolo odierno, c’è anche una richiesta di modifica al piano straordinario per la rigenerazione olivicola della Puglia (Decreto interministeriale n. 2484 del 6 marzo 2020). La cooperazione ha chiesto che il contributo venga erogato in via premiante a quei soggetti che determinano una concentrazione delle superfici, con un approccio opposto a quanto ad oggi previsto, che penalizza i soggetti con più ettari e sostiene invece i produttori di piccoli appezzamenti. Si propone invece che a beneficiare del contributo siano gli imprenditori agricoli situati nella zona infetta, proprietari, di terreni di almeno 5 ettari di oliveti (o che si aggregano in modo da formare superfici minime di almeno 5 ettari), prevedendo un contributo pari al 100% ai soggetti che si aggregano tramite le OP. olivicole.

L’Alleanza Cooperative Agroalimentari ha anche richiesto l’estensione da tre a sette anni del sostegno previsto dal decreto interministeriale da inserire nella prossima legge di bilancio, nonché l’adozione di un provvedimento legislativo di semplificazione della normativa di tutela paesaggistica per l’espianto, il reimpianto e/o la riconversione colturale che miri a favorire la rigenerazione del territorio infetto con il superamento della divisione particellare e la creazione di unità colturali minime che assicurino la sostenibilità economica delle piccole aziende agricole.

C.d.G.

 

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Lacalamita

Lula pane e dessert

Trani (Bt)

1) Tartelletta di stagione

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search