Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 25 Febbraio2013

Se vanno a gonfie vele nei mercati esteri, in Italia, nei canali al dettaglio, perdono un po’ di quota.

Si comprano un po’ meno bollicine. Il calo delle vendite, in termine di volumi, è di circa il 3% (tenendo anche conto dell'incremento fisiologico a cavallo del periodo festivo dell'ultimo dell'anno). Ma la tendenza negativa si registra un po’ per tutti gli altri vini. Già questo quadro era stato prospettato dai vari istituti di ricerca, adesso si completa lo scenario con le ultime analisi fatte da Ismea, relative agli ultimi mesi del 2012.

Diciamo che perdono qualcosa un po’ tutte le tipologie di bollicine. Primo fra tutti lo Champagne, che ha fatto registrare un -10%. Non è andata chissà quanto meglio per i Metodo Classico italiani, che hanno visto perdere il 6%. La tendenza però non sarebbe da imputare al prezzo. Che sarebbe rimasto invariato nell’ultimo periodo. Il quadro lo commenta Marco Baccaglio nel suo Blog I Numeri del vino.

Il segno meno davanti ai volumi di vendita al dettaglio interessa comunque tutto il mondo vino, tutte le altre categorie. Calano le vendite dei vini a denominazione, intorno al 2,3 %, e degli Igt, del 4,7%. E in negativo sono andate anche quelle relative ai vini da tavola, -2,8%, che però hanno registrato il maggiore rincaro dei prezzi. Infatti, mentre per i vini a denominazione e Igt l’aumento dei prezzi è stato del 3,6%, per questa tipologia, invece, è stato addirittura del 7%. La scelta dei consumatori sembra essersi spostata sugli antipodi della scala dell'offerta. 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search