Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 31 Maggio 2011
di Redazione

La Doc Sicilia è appesa a un filo. C’è la pubblica audizione da convocare e al momento non risulta nessun annuncio da parte dell’assessorato regionale all’Agricoltura che ha il compito di indire l’assemblea in cui far partecipare tutti i produttori interessati alla nuova denominazione.

La difficoltà è rappresentata dal fatto che il Comitato nazionale tutela vini, il cosidetto “parlamentino” del vino, dovrà chiudere tutte le discussioni aperte il prossimo 27 giugno. Ed è quindi corsa contro il tempo. Come è noto il Comitato avrà ancora pochi mesi per definire le pratiche in corso perché poi ogni competenza sulle future Doc passeranno a Bruxelles. Ed ecco quindi la necessità di fare in fretta se si vuole far nascere la Doc Sicilia. La pubblica audizione, tra l’altro, è un passaggio ritenuto da più parti fondamentale perché sarà l’occasione per un confronto serrato sulla proposta del disciplinare. La svolta sull’iter per l’approvazione è arrivata poche settimane fa. L’ostacolo era rappresentato dal paletto dell’ambito aziendale che l’anno scorso aveva creato non pochi problemi e dubbi tra i soggetti proponenti. Un aspetto che è stato superato: il consiglio tecnico del Comitato, infatti, ha dato parere positivo sulla Doc Sicilia concedendo una deroga per dieci anni all’ambito aziendale che obbliga il produttore a rispettare determinate percentuali di produzione di vino da vitigni autoctoni se si vuole ottenere la denominazione.
C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Ciro Scamardella

Pipero

Roma

2) Ravioli di Genovese di Polpo

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search