Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 23 Giugno2011

C'è un po' di ansia nel mondo del vino siciliano, almeno di quello che segue con attenzione l'evolversi della situazione sulla Doc Sicilia.

Oggi è il giorno decisivo perché oggi si riunisce il Comitato nazionale vini. E il parlamentino del vino, presieduto da Giuseppe Martelli (nella foto) ha, all'ordine del giorno, proprio la nascita della Doc Sicilia. Il carteggio è stato integrato con quello che è accaduto alla pubblica audizione dello scorso 16 giugno a Palermo. Tra consensi e dubbi, non ultimi quelli di un ex ministro dell'Agricoltura come Calogero Mannino, ormai l'iter in ogni caso senbra incardinato verso l'atto ufficiale di nascita. D'altra parte superato lo scoglio dell'ambito aziendale che non pochi problemi avrebbe creato alle cantine sociali, per la Doc Sicilia non dovrebbero esserci più ostacoli. Anche la Regione Siciliana ha dato il suo contributo di sostegno per l'istituzione della Denominazione che porterà il nome dell'Isola. E anzi l'iter ha avuto un accelerazione non trascurabile negli ultimi mesi proprio grazie agli uffici dellìAgricoltura. Tuttavia non è un mistero che tra i fautori della Doc Sicilia ci sia preoccupazione per qualche possibile colpo di coda perché "la Doc Sicilia potrà creare molti problemi a molti nostri competitor", dice con una punta di preoccupazione mista ad ottimismo un produttore che ha seguito la vicenda.
Se oggi ci sarà il via libera, a quel punto ci sarà il decreto che sancisce la nascita della Doc. Vedremo con quali modifiche dell'ultimora al disciplinare. E per il vino siciliano, senza tema di esagerare, nasce una nuova era. Per i risultati ci vorrà qualche anno. E il tempo anche questa volta sarà galantuomo.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Nino Ferreri

Limu - Bagheria (Pa)

2) Riso cicale di mare, limone e bottarga

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search