Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 16 Giugno 2011
di Redazione


Da sinistra Elio D’Antrassi, Diego Planeta e Lucio Tasca d'Almerita

"Migliorare lo standard della produzione vitivinicola siciliana". Con queste parole l'assessore regionale alle Risorse Agricole ed Alimentari, Elio D'Antrassi, ha esordito alla pubblica audizione, tenutasi presso la Facoltà di Agraria dell'Università di Palermo, per il riconoscimento della Doc Sicilia.

Un altro passo, che apre le porte all'approvazione definitiva, è stato così compiuto tra apprezzamenti e critiche da parte dei vari addetti ai lavori. Ma tutto sommato il disciplinare piace: "E' un ottimo punto di partenza - ha commentato Diego Planeta, produttore e presidente di Assovini - in vista della valorizzazione del nostro patrimonio vitivinicolo".

Otto gli articoli che costituiscono il disciplinare di produzione dei vini a denominazione di origine controllata 'Sicilia'. Molte le contestazioni ed i dubbi sui primi, soprattutto per quanto riguarda gli articoli 3 e 4. Nell'articolo 3 in particolare si indica la zona di raccolta delle uve. L'elaborazione di una mappa vocazionale è quanto non convince i produttori: "Sono io, il produttore, - esordisce Lucio Tasca - a decidere dove impiantare le mie uve". L'articolo 4 si riferisce invece alla coltivazione ed alla resa. I più hanno chiesto un abbassamento delle piante per ettaro, "troppo alto, - ha detto Giuseppe Longo di Assovini - da tremila e 750 sarebbe opportuno scendere a tremila e 200". Sempre nell'articolo 4 si parla anche delle condizioni ambientali e di coltura dei vigneti che devono essere atti a rendere i vini lì prodotti con le caratteristiche richieste dal disciplinare. E qui entra in gioco un po' di confusione. A sottolinearla l'onorevole Calogero Mannino, ex ministro dell'Agricoltura, che ha più volte ha animato il dibattito. Uno dei suoi dubbi?: "Qual è il rapporto tra questo disciplinare e quello che riguarda le isole minori?". Di certo c'è che chi produce già vini Doc potrà chiedere di avere anche la denominazione Doc Sicilia. Tra gli appunti quello del presidente della Coldiretti, Alessandro Chiarelli: "L'imbottigliamento deve essere obbligatorio in regione". Invece nell'articolo 7 del disciplinare non vi è alcuna specificazione. Non solo critiche comunque ma molti sono stati anche i suggerimenti che alcuni dei produttori presenti hanno voluto dare. Ad esempio Marilena Barbera ha parlato dell'impossibilità di prevedere che un vino dopo tre anni di affinamento abbia le caratteristiche richieste come riserva. "Sarebbe opportuno - ha quindi aggiunto - che la rivendica per la riserva arrivi alla fine dell'affinamento". Introdurre altri tipi di vigneto, come lo zibibbo o il sangiovese sono state le altre proposte. Durante l'incontro si è anche presentato il disciplinare di produzione per l'indicazione geografica tipica dei vini 'Terre Siciliane'. Se nasce la Doc Sicilia, infatti, non si potrà aver una Igt con lo stesso nome.

Sandra Pizzurro


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

4) Crema catalana al cedro e liquirizia, fonduta di provolone del Monaco e noci

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search