Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 27 Maggio2022
Montalcino

di Emanuele Scarci

Conferma su tutta la linea dei 15 candidati e degli eletti del Consorzio del Brunello di Montalcino come anticipato da Cronache di Gusto.

(LEGGI QUESTO ARTICOLO). Il voto dei soci ha eletto, questa sera, il nuovo consiglio di amministrazione, confermando 10 consiglieri e individuando 5 new entry, in rappresentanza di viticoltori, vinificatori e imbottigliatori. Riconfermati Stefano Bambagioni (Fossacolle), Giacomo Bartolommei (vicepresidente uscente) (Caprili), Fabrizio Bindocci (Il Poggione, presidente uscente), Tommaso Cortonesi (La Mannella), Elisa Fanti (Tenuta Fanti), Ermanno Morlacchetti (Tenute di Castelgiocondo e LDV), Giovanni Neri (Casanova di Neri), Bernardino Sani (Argiano), Riccardo Talenti (Talenti, vicepresidente uscente) ed Enrico Viglierchio (Banfi). Nominate anche le new entry Alex Bianchini (Ciacci Piccolomini d’Aragona), Maurizio Bogoni (Tenute Ruffino), Piero Novello (Tenuta dell’Incanto), Francesco Ripaccioli (Canalicchio di Sopra) e Adriano Rubegni (Podere La Vigna).
A breve, il Cda nominerà, con voto segreto, un presidente e tre vicepresidenti. Il nuovo consiglio di amministrazione del Consorzio del vino Brunello di Montalcino resterà in carica per il prossimo triennio.

Il trend del principe
Sul fronte commerciale, in aprile migliorano gli imbottigliamenti del Brunello e del Rosso di Montalcino. Secondo i dati mensili Avito, le fascette rilasciate sono aumentate rispetto a marzo e anche gennaio. I contrassegni di Stato rilasciati da Valoritalia nei primi 4 mesi per l’immissione in commercio di circa 3 milioni di bottiglie evidenziano un calo del 27% rispetto all’analogo periodo del 2021. Confortanti anche i dati relativi alle giacenze rilevate dal Mipaaf: al 30 aprile sono inferiori di 6 mila ettolitri rispetto a un anno fa. Sul fronte dei prezzi dello sfuso, quelli rilevati da Ismea sono saliti da 975 euro/ettolitro dello scorso gennaio a 995 di aprile. Nel complesso le vendite dell’annata del Brunello 2017 sembrano fare più fatica di quanto si potesse prevedere. Il confronto statistico è peraltro penalizzato anche del boom dell’annata 2016: 11,4 milioni di bottiglie, +27%, livello raggiunto solo due volte nella storia della denominazione (2008 e 2010 e giacenze ai minimi storici). In aprile il Rosso di Montalcino ha invece azzerato il -2% del primo trimestre grazie a fascette rilasciate per oltre 1,7 milioni di bottiglie. L’annata Brunello 2017 era stata ritenuta dai degustatori di buon livello. Quali i motivi della frenata del principe dei vini toscani? Probabilmente la “concorrenza” delle Riserve 2015 e 2016 e forse anche il fatto che ristorazione e consumatori hanno sovrastoccato l’annata precedente. Peraltro la vendemmia 2017 è stata meno ricca, la stima è del -25% rispetto alla precedente, e questa “penuria” relativa del vino potrebbe agire sul prezzo finale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Giannico Carruggio

Cantina Gianfranco Fino

Manduria (Ta)

1) Gambero marinato

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search