Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 24 Giugno 2020
di Giorgio Vaiana

Assemblea dei soci il 9 luglio. Si valuterà la scelta di non autorizzare nuovi impianti per tre anni dal 2021. E per quest'anno le rese dei rossi giù da 90 a 70 quintali per ettaro

Siamo solo a livello di proposte, ma quella che si terrà a Trecastagni, in provincia di Catania, il 9 luglio ha tutta l'area di essere un'importante assemblea dei soci del consorzio dell'Etna Doc. "È il primo appuntamento del Consorzio dopo il lungo e complicato periodo di lockdown che ha profondamente condizionato la vita di tutti gli italiani e che ha provocato non poche difficoltà a tutto il comparto del vino italiano e siciliano", dice Antonio Benanti, presidente del Consorzio. E sarà un appuntamento molto atteso. Visto che il Cda proporrà agli oltre 150 soci del consorzio, tra i vari punti, la riduzione della resa per la tipologia Etna Rosso per la vendemmia 2020, in linea con quanto deliberato anche da altri importanti consorzi italiani e la sospensione triennale della iscrizione di nuovi impianti Etna Doc. "Sono tutte proposte importanti, finalizzate al rafforzamento e alla tutela della denominazione e al governo della sua crescita - dice Benanti - All’aggiornamento del Disciplinare di Produzione lavoriamo da mesi, così come da tempo discutiamo di una serie di misure da adottare per governare e guidare la crescita della nostra denominazione. Una Doc che, di anno in anno, riscuote sempre più consensi da parte dei consumatori per merito delle peculiarità uniche dei suoi vini e allo stesso tempo suscita un interesse crescente da parte di investitori e produttori, attratti dal particolare fascino del territorio e dalla risposta del mercato. La viticoltura alle pendici dell’Etna rappresenta un piccolo gioiello da preservare e valorizzare con forza, determinazione e scelte responsabili e condivise".

La questione più spinosa è proprio quella relativa al blocco degli impianti. Una proposta che secondo molti produttori arriva tardiva e quando ormai i "buoi sono fuggiti". Eppure, dati alla mano, gli ettari vitati sono quasi raddoppiati in appena sei anni, passando dai 680 ettari del 2013, ai 778 ettari del 2014 e fino ai 1.062 ettari del 2019 per una produzione di 4,3 milioni di bottiglie. Se dovesse arrivare l'ok, lo stop entrerebbe in vigore già a partire dall'1 agosto 2021. Diversa la questione relativa alle rese. La riduzione sarà chiesta solo per la prossima vendemmia e solo per i rossi, passando dai 90 quintali ai 70 per ettaro, una manovra fatta per ridurre i quantitativi di vino da immettere sul mercato. "La necessaria chiusura in numerosi mercati di tutte le attività del mondo Horeca, principale sbocco per i vini Etna Doc, ha naturalmente avuto un impatto negativo non secondario anche per i produttori, solo in minima parte compensato dagli ordini legati alle vendite dirette al consumatore privato - conclude Benanti - Ora, però, è tempo di voltare pagina e guardare al futuro, incoraggiati anche dai segnali che il mercato ci sta fornendo da qualche settimana".

G.V.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

2) Gnocchi ripieni di baccalà mantecato, gamberi e spugnole

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search