Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 06 Febbraio2013

L’olio di oliva extravergine italiano è una importante risorsa per l’economia italiana e si presenta all’estero con la sua eccellenza.

Questa è la certezza comune ai produttori che esportano. La percezione degli addetti ai lavori è fortemente sostenuta dall’Istituto Nazionale per il Commercio Estero (Ice) che delinea un quadro sostanzialmente positivo per le imprese olivicole italiane che esportano all’estero. Il giro d’affari generato dalle esportazioni di olio di oliva nel mondo è pari a 939 milioni di euro, volume in crescita del +9,8%, trend dovuto al proporzionale aumento delle tonnellate esportate, pari a 277.471 tonnellate e in crescita del +10,2% (Dati 2011, variazione % rispetto al 2010).

Tra i mercati che richiedono più olio di oliva italiano, in prima linea gli Stati Uniti che con oltre 282 milioni di euro e 83,7 mila tonnellate di olio di oliva italiano incrementano la loro richiesta più della media mondiale (rispettivamente +11,6% di euro e +13,6% di tonnellate). In seconda posizione tra i paesi destinatari dell’olio di oliva italiano, la Germania (143 milioni di euro e 41,4 mila tonnellate), con una crescita leggermente al di sotto della media (+8,8% e +9,1%) ed al terzo posto la Francia (101 milioni di euro e 32 mila tonnellate) che, però, incrementa la domanda di olio più del colossi statunitense e tedesco: +13,2% di giro d’affari generato e +12,5% di tonnellate che oltrepassano i confini italiani. Il Giappone, altro mercato importante per i produttori, genera oltre 52 milioni di euro di fatturato (+6,4%) grazie alle 12.897 tonnellate di olio di oliva importato. In tale scenario a distinguersi, inoltre, ci sono altre realtà che manifestano picchi di interesse per olio di oliva Made in Italy: in primis il Belgio (+33,3% del fatturato e +34,2% della quantità richiesta nel 2011) ed il Brasile (+23,6% e +22,8%). Numeri che, però, non bastano per cogliere la percezione del mercato. 

L.B.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Massimo Quacquarelli

Ristorante Corteinfiore

Trani

2) Medaglioni di rombo con patata e cicoriella, funghi cardoncelli e pomodorino

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search