Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 28 Agosto 2020
di Giorgio Vaiana
Filippo La Mantia

Un fulmine a ciel sereno per la ristorazione di Milano: lo chef Filippo La Mantia, marito della della famosa influencer Chiara Maci, chiude il suo locale. 

La decisione era nell'aria ed ora è diventata ufficiale proprio grazie alle dichiarazioni dello stesso chef, costretto ad affrontare incassi ridotti e spese altissime, diventate insostenibili con il coronavirus, il lockdown e la successiva fase di lenta ripresa. La notizia l’ha data lui stesso a In onda. Affitto di 28 mila euro (ridotto dai proprietari dell’immobile alla metà ma solo per due mesi) e 40% di entrate in meno: impossibile restare aperti. Cercherà un locale più piccolo perché la sua intenzione è quella di non lasciare Milano. “Ho ricevuto alcune proposte, e le sto raccogliendo in una cartellina – ha raccontato a Il Giorno – La mia ricerca è appena iniziata, conto di fare un punto tra ottobre e novembre. Il primo febbraio del 2021 consegnerò le chiavi del locale in piazza Risorgimento, e almeno fino a gennaio il ristorante rimarrà aperto. Se entro quella data avrò trovato un nuovo spazio ci trasferiremo immediatamente, altrimenti aspetteremo qualche mese. Sono deciso a rimanere a Milano, solo in uno spazio ridotto e più sostenibile economicamente. Intanto abbiamo chiesto la risoluzione del contratto d’affitto con cinque anni di anticipo”. E lo chef ha anche aggiungo che secondo lui “in Italia ci sono 500 categorie che potrebbero aver bisogno di sostegno e noi siamo solo una delle tante. Non possiamo aspettare i sussidi dello Stato, che qualcuno ci venga a dare dei soldi, ma dobbiamo darci da fare per ripartire. Bisogna aiutare piuttosto i pensionati che fanno fatica a campare. Mia mamma prende meno di 700 euro al mese, senza il mio aiuto sarebbe in seria difficoltà”.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gaetano Torrente

Al Convento

Cetara (Sa)

2) Genovese di tonno

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search