Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 14 Febbraio 2012
di C.d.G.

Altro che crisi. I vini francesi  toccano il record di vendite proprio nel 2011 con un fatturato totale di 10 miliardi di euro, segnando una crescita del 10,5% rispetto al 2010.

Il dato è stato diffuso dalla Federazione esportatori di vini e liquori (Fevs).

L'export degli Champagne, dei Cognac e dei Bordeaux ha superato il fatturato registrato nel 2007 quando, proprio prima
della crisi, erano state vendute sul mercato internazionale bottiglie per 9,6 miliardi. 

 In Francia il vino si classifica come la seconda voce più importante nell'esportazione, subito dopo il settore aeronautico (17,7 miliardi di euro) e prima di profumi e cosmetici (8,3 miliardi).
 
Ad apprezzare le bevande alcoliche made in France sono sempre più gli asiatici e gli americani. Tra Cina, Hong Kong, Taiwan, Singapore e Giappone le vendite sono cresciute in un solo anno del 29%. Oggi il mercato asiatico rappresenta per le aziende transalpine 2,5 miliardi di euro.

Anche verso gli Stati Uniti e il Canada le esportazioni si sono chiuse nel 2011 con valore positivo (+9%, 21 miliardi). Crescite meno importanti (+3%) si sono registrate invece in Europa, anche se l'Ue resta il primo mercato per i vini francesi, con un fatturato di 4,1 miliardi di euro. La Svizzera è il primo importatore in Europa (+3% nel 2011).

Se i trend sono positivi ovunque solo in due Paesi avrebbero subito un calo. I vini francesi hanno infatti subito la batosta della concorrenza internazionale, sopratuttto italianam nel Regno Unito e in Germania. 

Rimane il più amato lo Champagne, continuando ad essere il numero uno incontestato del panorama vinicolo transalpino, che rappresenta, da solo, un fatturato per l'export di 2,1 miliardi di euro (+9,3%). Segue il Cognac, le cui vendite sono aumentate del 10% nell'ultimo anno (2,04 miliardi) e il Bordeaux (2 miliardi).

Il vino rosso conquista sempre di più gli intenditori asiatici, i quali apprezzano anche i vini di Borgogna.     

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Gennaro Esposito

Torre del Saracino

Vico Equense (Na)

1) Crocchetta di stoccafisso e crema di capperi

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search