Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 09 Aprile2021

"Le alte temperature di fine marzo hanno favorito il germogliamento e il risveglio della vite.

Nelle scorse notti però le piante sono state sottoposte a un terribile shock termico, con effetti allarmanti sulle produzioni. Il quadro generale sarà più chiaro all’inizio della prossima settimana ma, per alcuni viticultori, si parla già di un danno che potrebbe arrivare all’80% della produzione”: a parlare è un preoccupato Claudio Biondi, Presidente del Consorzio Tutela Lambrusco. L’ente di tutela è già al lavoro per raccogliere dai suoi consorziati, sia nelle aziende di Modena che di Reggio Emilia, riscontri in merito alle conseguenze dell’improvviso calo termico. Per ora risulta che le zone più colpite sono quelle del Grasparossa, con le varietà più precoci, tuttavia anche i soci delle altre aree produttive potrebbero essere in grande difficoltà. “Ci sono varietà in una fase fenologica di gemma cotonosa che si schiuderà tra qualche giorno, altre invece già germinate: in questo secondo caso i danni da gelo potrebbero essere davvero devastanti - prosegue il Presidente - Appena avremo una fotografia precisa della situazione dei nostri produttori ci attiveremo subito con la Regione Emilia Romagna e con le autorità preposte per valutare come richiedere misure di sostegno adeguate”.

Alla già difficile situazione dovuta alle conseguenze economiche dell’emergenza sanitaria ancora in corso e ai danni da gelo si aggiunge anche una campagna assicurativa, iniziata ai primi di marzo, non del tutto favorevole: “Le polizze sono strutturate in maniera tale per cui anche i produttori di uve che hanno effettuato la copertura assicurativa contro gelo-brina hanno in ogni caso una franchigia del 30% che l’assicurazione non risarcisce, e il massimale indennizzabile è pari al 50% del valore assicurato”, spiega Biondi. Visto l’imprevedibile cambiamento climatico, molte compagnie assicurative non hanno neanche assunto il rischio della copertura gelo-brina. “Inoltre - precisa il Presidente - la copertura diventa attiva solo dopo 12 giorni dalla sottoscrizione della polizza stessa”. I tempi dilatati certamente non aiutano, per cui anche i viticultori che si erano attivati a suo tempo per effettuare la copertura non hanno poi avuto la disponibilità immediata di alcune compagnie assicurative.

LA SITUAZIONE IN PIEMONTE
In relazione all’abbassamento delle temperature verificatosi nella notte tra il 7 e l’8 aprile, dovuto all’arrivo di correnti di aria fredda provenienti dal nord Europa che hanno causato alcuni fenomeni di “gelate nere”, si puntualizza che le varietà con germogliamento tardivo non hanno subito alcun danno. Per quanto riguarda il nebbiolo, che tra le varietà è quella più precoce, la situazione è eterogenea in quanto sono stati segnalati danni al momento difficilmente quantificabili vista la fase fenologica che in buona parte dei vigneti risulta irregolare. Pertanto sulla stessa pianta si possono riscontrare danni solo su alcuni germogli mentre su altri la situazione è normale. I vigneti maggiormente interessati sono stati quelli ad altitudine media, dove lo sviluppo dei germogli è già di qualche centimetro, mentre per i vigneti meglio esposti e siti nell’area più interna della zona di produzione i danni sono molto limitati.

In generale comunque parrebbe trattarsi di danni significativi solo per alcuni vigneti, ma si tratta di fenomeni circoscritti e non in alcun modo estendibili a tutta l’area di produzione. La situazione attuale è quindi sostanzialmente diversa da quella del 2017, dove fenomeni simili si erano verificati due settimane più tardi nel mese di aprile, interessando anche le sommità delle colline e i fondivalle. "Riteniamo pertanto - dicono dal Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani - alla luce di primi sopralluoghi effettuati, che non ci siano elementi per creare allarmismi e che possano far presagire delle drastiche riduzioni sulla produzione dell’annata, che è appena iniziata".

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Elio Mariani

Checchino dal 1887

Roma

1) Trippa alla romana

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2022 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search