Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 06 Luglio 2020
di Giorgio Vaiana
Gennaro Esposito

di Annalucia Galeone

Appassionato, curioso e innovativo Gennaro Esposito, patron e chef de la Torre del Saracino, è uno dei volti più amati nel panorama della ristorazione italiana. L'autenticità, la carica umana ed empatica lo distinguono dall'insopportabile stereotipo televisivo.

"Nel mio mestiere dimenticare le proprie origini è un peccato mortale, un gesto di superbia che preclude anche la possibilità di scoperte future. Ricordiamocelo, ricordatevene". Questo è il suo monito. E' ripartito da dove tutto è iniziato. Nel 1991 ha inaugurato la Torre del Saracino per proporre una cucina che rispettasse e valorizzasse il territorio, ma che nel contempo fosse il frutto delle esperienze maturate durante i viaggi e gli stage che hanno segnato la sua vita e la professione. Attento a ogni dettaglio, dedica grande cura alla ricerca delle materie prime. L'Italia è il paese degli ingredienti buoni, semplici e straordinari, muovono le corde delle emozioni, hanno uma marcia in più, esaltarli è non solo facile ma anche divertente. Nel 2001 è arrivata la prima stella Michelin cui hanno fatto seguito le Tre Forchette del Gambero Rosso nel 2003, l’anno in cui nasce anche Festa a Vico, l’evento gastronomico organizzato per beneficenza ospitando quasi 400 colleghi ogni edizione. Nel 2008 gli è stata assegnata la seconda stella Michelin, nel 2011 è insignito del titolo di “Migliore Chef italiano dell’anno” per Identità Golose.

“Dentro ogni piatto ci sono tecniche, ricordi, esperienze, continuo confronto, invettiva, nel mio caso si aggiungono un forte legame con la mia terra e l'educazione al gusto caratterizzate dall'unicità e l'esclusività di alcuni prodotti, nessun professionista con buon senso dimentica le proprie radici o le mercifica - ribadisce Gennaro Esposito - La cucina è un'azione altruista, la bravura sta nel sapere elaborare un'espressione personale ispirandosi ai saperi e sapori della nostra cultura gastronomica e divulgarla agli altri. La tradizione non è altro che la sedimentazione di esperienze ripetute nel focolare domestico, ma attenzione, negli ultimi trent'anni sono pochissime le realtà meritevoli da poter essere classificate come nuove tradizioni. Rimane vivo solo ciò che ha una grande coerenza”. Nel 2009 ha lanciato una linea a marchio “Gennaro Esposito Chef” e ha avviato prestigiose collaborazioni con il ristorante Mammà a Capri (una stella Michelin) e il Rosselinis dell’hotel Palazzo Avino a Ravello (una stella Michelin). Membro del consiglio didattico dell’Università Gastronomica del Mezzogiorno, ha ricevuto il premio “Chef Mentor 2020” dalla Michelin perché universalmente riconosciuto come una guida sicura e prolifica per i giovani chef. Nel 2015 ha avviato IT ad Ibiza. L’esperienza replicata nel 2019 con l’apertura di IT Milano che ha ottenuto la prima stella Michelin a pochi mesi dall'inaugurazione e IT London. Alla riapertura del dopo il lockdown c'è stata grande curiosità. Lavoro, concretezza e qualità è una ricetta che funziona sempre.

“Il lavoro tra i fornelli da e toglie tanto, ruba il tempo e allontana dalla famiglia - sottolinea Gennaro Esposito -. Ai miei tempi aprire un ristorante era un gesto scevro dalle gabbie culturali, io sono stato mosso dalla curiosità e dalla voglia di misurarmi con qualcosa più grande di me, non ho pensato al business e ai riconoscimenti, nel tempo si sono rivelati carichi pesanti da sostenere. Oggi l'avviamento ha una maggiore complessità, i costi di gestione sono molto più onerosi, il coraggio e il salto nel vuoto rimangono gli stessi. Vale la pena rischiare con misura, senza dover dimostare niente a nessuno, il mio locale sembrava più un pub, l'ambiente era rustico e semplice, ho dato priorità ai piatti. Chi giudica i ristoranti deve saper valutare in modo competente, il giudizio rimane pur sempre un parere riduttivo, è difficile comporre il ritratto completo di uno chef, oggetto di indagine diventa più la filosofia o lo stile che il pregio di una portata piuttosto che un'altra”. Nonostante tutto Festa a Vico si farà, è stata postcipata. Sarà diversa, sarà innovativa, ma sarà sempre e comunque una ricorrenza degli chef, dei produttori e di tutti i brother in food. E' pronta per diventare maggiorenne, anche se, con qualche mese di ritardo.

Torre del Saracino
via Torretta, 9 - Vico Equense (Na)
www.torredelsaracino.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
t. 081 802 8555
Chiuso: mai
Ferie: variabili
Carte di credito: tutte
Parcheggio: no


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search