Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 21 Luglio2011

La Cina checché se ne dica, è ancora lontana. Almeno per il mercato del vino italiano.

Eppure è passato quasi un decennio da quando gli analisti dell’ export predicavano di puntare le attenzioni sui mercati emergenti dell’ oriente. La Francia lo ha fatto utilizzando strumenti adeguati se è vero, come è vero, che oggi, oltre il 50% di quel mercato le appartiene. Che in effetti e molto di più perché un altro 30% di questa fetta è attribuito agli inglesi che di vino non ne producono affatto ma in grossa quantità lo comprano dai transalpini e lì lo piazzano. E l’Italia? Appena il 6% ma sta crescendo e i dati dei primi tre mesi dell 2011 parlano di un incremento del 119,4% stando alle stime fornite da Assoenologi. Quello cinese è un mercato che può contare su un miliardo e 350mila abitanti. Il suo import relativamente al vino è letteralmente esploso nel 2010 raggiungendo 800 milioni di dollari dai 452 milioni del 2009 (+77%). In questo contesto, la Francia, ne deteneva il 42% dell’import totale, mentre l’Italia si trovava al quarto posto con una quota ridicola del 5%; quindi lontanissima dai cugini transalpini in termini di spread di crescita, sia di volumi e ancor più in valore. In sintesi, e in chiaro, per ogni cento bottiglie che entrano nel mercato cinese solo cinque sono italiane. E il loro prezzo medio è cresciuto del 12% (2.11) mentre i volumi in termini di ettolitri sono passati 2,86 milioni di ettolitri di vino, contro 1.7 milioni del 2009 e 1,6 milioni nel 2008.


 Due buyers al tavolo di Silvia Maestrelli Tenuta di Fessina

Le possibilità di incremento sono dunque ampie se si pensa che in Cina il vino è la terza bevanda, dopo birra e distillati, con quote percentuali di poche unità ( le proiezioni parlano di 70 milioni di consumatori di vino, circa il 4,3%, nel 2020)e che se un giorno si arrivasse ad un quorum del 30%, al mondo non ci sarebbero più problemi di eccedenza. Questo quadro sintetico e parziale aiuta a interpretare più chiaramente il senso della visita in Sicilia, di una delegazione di buyers cinesi organizzata dall’Hong Kong Trade Development Council (HKTDC) con il patrocinio e la tutela dell’ Istituto regionale vite e vino e conclusasi martedì. Hong Kong, è bene precisare, con oltre sette milioni di abitanti si conferma una piazza strategica per una politica commerciale di posizionamento. E’ altresì una regione a statuto speciale in cui è più facile sviluppare politiche di marketing grazie anche all’abolizione di ogni dazio sugli scambi internazionali. Che in Sicilia si è rilevato una sorta di marketing culturale visto che i cinesi iniziano ad apprezzare il vino italiano e i suoi abbinamenti. Quello della versatilità, varietà e qualità sono state le tre chiavi del successo del vino italiano.

E quale regione meglio della Sicilia ha potuto declinare al meglio queste tre anime della cultura enogastronomica? Così la visita si è‘ sviluppata e articolata, lungo il doppio filone dei prodotti enogastronomici. Attraverso le province di Palermo Trapani Agrigento Ragusa e Catania. Ultima tappa di questa delegazione cinese era in programma sull’Etna. E quindici aziende etnee, ben attrezzate con depliant e cartoni pieni zeppi di bottiglie di vino rosso (in Cina il rosso non è solo il colore del vino preferito ma il colore dell’anima, il loro simbolo di prosperità di fortuna di augurio) si sono ritrovate nella ”Cantina Patria” a Passopisciaro. Ma la sorpresa è stata il grande apprezzamento e l’interesse dei buyers per la qualità dei loro bianchi, dei loro rosati e degli spumanti. E poi a pranzo, dopo le degustazioni, della cucina catanese. Una conclusione in grande stile senza eccessi di entusiasmo in perfetta coerenza con il loro carattere discreto e riservato. Ma i commenti esternati al loro ritorno in Patria sono già arrivati in Italia. Il più diffuso: “La Sicilia? E’ più vicina!”.

Stefano Gurrera

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Luca Abbruzzino

Ristorante Abbruzzino

Catanzaro

4) Pane, olio e zucchero

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search