Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Christian Guzzardi
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 13 Settembre2011

La vendemmia scivola sotto i 43 milioni di ettolitri e rischia di segnare un minimo storico. Dal 1957 solo una volta la produzione di vino è scesa così in basso, nel 2007.

Le previsioni dell'Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare) e dell'Uvi (Unione italiana vini) vedono, infatti, l'Italia in calo del 10% a 42,260 milioni di ettolitri, un risultato che mette a rischio il primato italiano nel vino. La produzione francese, infatti, è aumentata dell'8% nell'ultimo anno e consacra Parigi primo produttore al mondo con 49 milioni di ettolitri.Tra le cause del crollo della vendemmia, l'Ismea cita il caldo e la prolungata carenza di piogge che hanno innescato un processo di maturazione anticipata e una maggiore concentrazione di zuccheri. Hanno contribuito alla scarsa produzione inoltre, gli abbandoni e le estirpazioni con premio delle vigne meno redditizie e la cosiddetta vendemmia verde (la distruzione dei grappoli non ancora giunti a maturazione). La produzione è iniziata in anticipo di due settimane o anche più in molte zone ed è stata contraddistinta da un aumento delle gradazioni medie e, sul fronte quantitativo, da «punte di diamante» distribuite a macchia di leopardo. Nelle prime cinque regioni del vino il calo è generalizzato. La contrazione raggiunge il 20% in Sicilia, dove la vendemmia verde 'congela’ quasi 13 mila ettolitri e la produzione passa dai 5.676 ettolitri del 2010 ai 4.540 di quest'anno. La flessione è decisa anche in Veneto (-10% da 8.351 ettolitri a 7.520) e in Emilia Romagna (-8% da 6.601 a 6.090). È più contenuta, invece, in Puglia (-5% da 7.169 a 6.800 ettolitri) e in Toscana (-5%, da 2.854 a 2.710 ettolitri).

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Isa Mazzocchi

Ristorante La Palta

Frazione Bilegno - Borgonovo Val Tidone

2) Raviolo di ravioli in sei stagionature di Parmigiano Reggiano

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search