Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Titti Casiello
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Ambra Cusimano
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Giada Giaquinta

Christian Guzzardi
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Maddalena Peruzzi
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Gianluca Rossetti
Marcella Ruggeri
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni
Alessia Zuppelli

Organizzazione Eventi:
Filippo Fiorito
Laura Lamia

Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 26 Ottobre2022
Lorenzo Cesconi

La Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti lancia un nuovo appello alla tutela dei piccoli produttori, con una lettera inviata al nuovo Ministro dell'Agricoltura e della Sovranità Alimentare Francesco Lollobrigida.

Sono diversi i temi che Fivi pone urgentemente all'attenzione del Governo: la crisi energetica e le azioni per contrastarla; la semplificazione burocratica sia per le esportazioni commerciali sia per gli adempimenti amministrativi; infine, i criteri di rappresentanza nei Consorzi di tutela. Primo tema presentato e molto attuale, quello della crisi energetica e dell'impatto sulle filiere produttive e commerciali del sistema vitivinicolo. Per la Fivi è necessario da un lato rimodulare le politiche di sostegno sia a livello nazionale che europeo per poter assicurare la continuità produttiva e dall'altro elaborare una strategia a lungo termine di indipendenza energetica basata soprattutto sullo sviluppo delle rinnovabili.


Altro tema scottante, quello della semplificazione burocratica per le esportazioni grazie all'adozione del sistema One Stop Shop, ovvero l'istituzione di uno sportello unico per l'assolvimento delle accise, già in vigore per il pagamento dell'Iva di alcune categorie di prodotti, per rafforzare la libera commercializzazione delle merci e permettere, sia ai piccoli produttori che ai consumatori europei, di trarre pieno vantaggio dalle opportunità del mercato unico. Scoraggiati dalla complessità amministrativa e fiscale molti Vignaioli rinunciano infatti a espandersi verso nuovi mercati: uno sportello unico permetterebbe loro di affacciarsi su nuove opportunità commerciali in un sicuro percorso di crescita.

Affine a questo tema quello della semplificazione burocratica e della digitalizzazione a tutti i livelli. Fivi intende porre l'accento sulla necessità di realizzare un vero e proprio sistema digitale, sfruttando le possibilità che la tecnologia oggi offre, al fine di rendere realmente meno onerosi i carichi burocratici delle aziende vitivinicole: ad oggi purtroppo i processi di digitalizzazione hanno portato paradossalmente a più oneri, anche a causa della scarsa o inesistente comunicazione tra i diversi enti della pubblica amministrazione, che impone quindi alle aziende di inviare più volte lo stesso dato a soggetti diversi.

Infine, il quarto tema riguarda la rappresentanza dei piccoli produttori all'interno dei Consorzi di tutela: i criteri di voto al momento favoriscono i grandi gruppi e le cooperative sociali, a causa di un'interpretazione troppo ampia del "voto ponderale" e ad un uso spesso problematico delle deleghe. Fivi chiede dunque un intervento sul decreto legislativo numero 232/2018, in particolare sull'art. 8 relativo alle modalità di voto, per rafforzare l'effettiva rappresentanza di tutti gli attori della filiera. I Vignaioli rappresentano un modello che orienta la propria produzione verso la più alta qualità, nel pieno rispetto e nella completa espressione del territorio, ed è necessario che in tutti i Consorzi sia riconosciuta loro pari dignità. Fivi chiude la sua lettera con un invito al Ministro Francesco Lollobrigida a partecipare all'Assemblea della Federazione, che si svolgerà lunedì 28 novembre a Piacenza, durante l'undicesima edizione del Mercato dei Vini dei Vignaioli indipendenti.

C.d.G.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Nino Ferreri

Limu - Bagheria (Pa)

2) Riso cicale di mare, limone e bottarga

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2022

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2023 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search