Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al ROC
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Direttore Responsabile:
Fabrizio Carrera

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital Design:
Floriana Pintacuda

Contributors:

Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni
Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Federica Genovese
Clarissa Iraci
Francesca Landolina
Federico Latteri
Irene Marcianò
Bianca Mazzinghi
Alessandra Meldolesi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Emanuele Scarci
Marco Sciarrini
Sara Spanò
Giorgia Tabbita
Fosca Tortorelli
Maristella Vita
Manuela Zanni

Organizzazione Eventi:
Laura Lamia
Ivana Piccitto

Concessionaria
per la pubblicità:
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo

info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 09 Giugno 2020
di Giorgio Vaiana

Sono le zone del vino - Valpolicella e Prosecco - quelle più colpite dall'ondata di maltempo che si è abbattuta sul Veneto domenica.

"Il bilancio - spiegano i responsabili di Cia Agricoltori Italiani - è pesante soprattutto per la zona della Valpolicella classica, dove c'è anche chi ha perso il 100 per cento della produzione. Nella zona di Fumane la grandine ha colpito duro, anche se meno rispetto ad altre aree. Si registrano danni che vanno dal 20 al 30 per cento, mentre nelle zone di Cengia e Pedemonte c'è chi si è trovato i tralci rasati. Questo vuol dire che non solo viene persa la produzione di uva di quest'anno, ma che c'è il rischio che pure quella dell'anno prossimo sia compromessa. La speranza è che ora faccia bel tempo, sia per evitare che proliferino malattie come la peronospera, sia perché possano cicatrizzarsi le ferite dei grappoli e dei tralci".

Anche nel Trevigiano i danni sono ingenti: Godega di Sant'Urbano, Codognè, Orsago e Maserada sono i comuni più colpiti, con distruzione totale dei vitigni, il che comprometterà anche la prossima annata. Ma non sono solo le vigne ad aver subito danni. Sono stati rilevati danni consistenti anche alle colture di soia e mais. Meno pesante il bilancio nel Vicentino (Brendola) e nel Padovano (Abano, Montegrotto, Mandria). "Ci siamo già attivati con i Consorzi di Difesa per effettuare sopralluoghi puntuali e una stima dei danni precisa. Come Cia solleciteremo un intervento di Avepa per arrivare alla richiesta dello stato di calamità", annunciano.

C.d.G.


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

Savino Di Noia

Antica Cantina Forentum

Lavello (Pz)

2) Miskiglio lucano con ragù di salsicce, crema di cicoria, mollica e peperone crusco

Sud Top Wine

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2021 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search