Siamo online da



ULTIMI COMMENTI

LE RICETTE PIU' LETTE

I VIDEO PIU' VISTI

AREA RISERVATA

cronache di gusto

Direzione, redazione
ed amministrazione:
Via Giuseppe Alessi, 44
(ex via Autonomia Siciliana)
90143 Palermo
Tel. +39 091 336915
Cronache di Gusto
autorizzazione
del tribunale di Palermo
numero 9 del 26-04-07

Cronache di Gusto
è iscritta al Roc
(Registro degli Operatori
di Comunicazione)
col numero 32897

Editoriale De Gustibus Italia
P.IVA 05540860821

Fabrizio Carrera
direttore responsabile

Coordinamento:
Giorgio Vaiana

Web & Digital design
Floriana Pintacuda

Collaboratori
Andrea Busalacchi
Andrea Camaschella
Marina V. Carrera
Sofia Catalano
Roberto Chifari
Lorella Di Giovanni

Maria Giulia Franco
Annalucia Galeone
Cristina Gambarini
Federica Genovese
Costanza Gravina
Clarissa Iraci

Francesca Landolina
Federico Latteri
Bianca Mazzinghi
Clara Minissale
Fiammetta Parodi
Geraldine Pedrotti
Stefania Petrotta
Michele Pizzillo
Fabiola Pulieri
Enzo Raneri
Mauro Ricci
Marco Sciarrini
Maristella Vita
Manuela Zanni

Concessionaria
per la pubblicità
Publisette
Via Catania, 14
90141 Palermo
tel 0917302750
info@publisette.it

COOKIE POLICY
PRIVACY POLICY
INFORMATIVA PRIVACY

Pubblicato in Scenari il 07 Giugno 2012
di C.d.G.

Dopo Chiara Lungarotti verso una doppia presidenza con Daniela Mastroberardino e Carlo Cambi 


Carlo Cambi e Daniela Mastroberardino 

Rivoluzione in arrivo al Movimento Turismo del Vino.

A pochi giorni dall'elezione del nuovo presidente, prevista per il 13 giugno, si prospetta per i prossimi tre anni la possibilità di una doppia presidenza, un vignaiolo e un super partes non legato al mondo del vino. All’attuale in carica, Chiara Lungarotti, potrebbero succedere Daniela Mastroberardino, al momento vicepresidente del Movimento e presidente di Mtv Campania, titolare dell’azienda agricola Terredora di Montefusco, in provincia di Avellino, e Carlo Cambi, toscano, ex giornalista di Repubblica, fondatore del supplemento i Viaggi di Repubblica e grande amico di Giancomo Tachis. 

Ma la nuova via richiederebbe una modifica dello statuto, poiché stabilisce che il ruolo di presidente debba essere rivestito da un produttore di vino. Ad avere avanzato l’ipotesi della rivoluzione con la preferenza su Cambi sarebbero stati i Movimenti regionali del Nord: Piemonte, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Emilia Romagna, Liguria. Mentre quelli del Sud caldeggerebbero per la Mastroberardino, volendo rimanere nel solco della tradizione. Una spaccatura negli intenti che starebbe creando non poco scompiglio. 
 

C.d.G.

 


Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FLASH NEWS

LE RICETTE DEGLI CHEF

SITI AMICI
WINE POWER LIST 2019
GUIDA AI VINI DELL'ETNA

LE GRANDI VERTICALI

Copyright © 2007-2020 cronachedigusto.it. Tutti i diritti riservati. Powered by Visioni©
La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, testi, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita.

Search